Tutto quello che c'è da sapere sull'Overwatch League  11

L'Overwatch League è cominciata: vi spieghiamo che cos'è e come e quando guardarla

SPECIALE di Christian Colli   —   11/01/2018

Con un milione di dollari in palio per la squadra vincente, e un accordo esclusivo con Twitch da 90 milioni di dollari, ha finalmente inizio la grande scommessa di Blizzard. La compagnia di Irvine ha annunciato l'Overwatch League nel novembre del 2016: dopo un anno di preparativi, e una Preseason svoltasi lo scorso dicembre, per le dodici squadre in gara è arrivato il momento di dimostrare il loro valore. Intorno al progetto sorgono molte perplessità, a cominciare dal fatto che Overwatch, per quanto famoso, non è certo il titolo più seguito del mondo, e persino Riot ha avuto bisogno di qualche annetto per ingranare col suo ben più popolare League of Legends: al momento, l'Overwatch League ha tutta l'aria di essere un coloratissimo spettacolo in cui un centinaio di ragazzi - alcuni dei quali non ancora diciottenni - se le daranno di santa ragione, sponsorizzati da ricconi che stanno puntando i loro averi sulla diafana promessa dell'eSport. Nelle prossime righe vi spiegheremo esattamente cos'è l'Overwatch League, com'è strutturata, quanto durerà e come seguirla.

Scarica il Video

Come funziona l'Overwatch League?

L'Overwatch League è sostanzialmente un campionato diviso in quattro parti. La Preseason si è tenuta dal 6 al 9 dicembre 2017 ed è consistita in una serie di partite amichevoli tra le squadre in gara che Blizzard ha trasmesso dalla sua Arena californiana. La cosiddetta Regular Season comincia invece il 10 gennaio 2018 e si protrarrà fino al 16 giugno: essa è divisa a sua volta in quattro fasi, scandite attraverso molteplici partite che si svolgeranno ogni settimana da giovedì a domenica. L'ultimo sabato di ogni fase, le squadre migliori si affronteranno per vincere i bonus e piazzarsi sul podio della fase. La Postseason si terrà invece dal 17 giugno al 28 luglio. In buona sostanza si tratta di una fase di allenamento in cui i giocatori si prepareranno ai playoff che si svolgeranno tra l'11 e il 22 luglio. Negli ultimi tre giorni della Postseason si svolgeranno invece le finali che stabiliranno la prima squadra vincitrice della League, alla quale andrà il premio di un milione di dollari. A quel punto resterà soltanto l'All-Star Weekend: tra il 10 e il 12 agosto, infatti, i giocatori che hanno partecipato alla League si combatteranno tra di loro in una serie di sfide amichevoli.

Come seguirla?

Le partite dell'Overwatch League si svolgeranno nella Blizzard Arena situata a Burbank, in California. A parte il fatto che i biglietti per la prima giornata sono esauriti da un pezzo, a noi italiani verrebbe un po' scomodo seguire sei mesi di campionato facendo avanti e indietro da Los Angeles: in questo senso, ci vengono incontro Twitch e, seppur limitatamente, mlg.tv. L'intera League sarà infatti trasmessa dalle piattaforme in questione; inoltre, basterà collegarsi al sito ufficiale per guardare le partite in diretta o in differita, grazie all'archivio in cui troverete tutti i match già giocati. L'app ufficiale dell'Overwatch League, inoltre, permette di seguire il campionato in tempo reale, scegliere le squadre del cuore e impostare una sorta di sveglia che vi ricorderà l'inizio di una nuova partita. L'app è disponibile sia per iOS che per sistemi Android.

Chi sono gli sfidanti?

L'Overwatch League debutterà nell'Arena di Los Angeles, ma Blizzard prevede di espandere la sua influenza e di tenere i prossimi campionati anche in altre città del mondo: le varie squadre, infatti, portano i nomi di alcune importanti città, anche se, realisticamente, i collegamenti oggi si limitano semplicemente a quello. Per esempio, il team Boston Uprising appartiene a Robert Kraft, il proprietario, tra le altre cose, dei New England Patriots, una squadra di football americano. Alcuni proprietari, come Kraft, provengono dal mondo dello sport tradizionale, ma ci sono squadre della League sponsorizzate da organizzazioni eSportive come Immortals e Cloud9 che, appunto, possiedono rispettivamente le squadre Los Angeles Valiant e London Spitfire. È chiaro, insomma, che i team nella Overwatch League non si affronteranno soltanto per la gloria, ma anche per consolidare quelli che vogliono essere veri e propri brand.

Nel frattempo, i giocatori che parteciperanno effettivamente al campionato riceveranno un vero e proprio stipendio che parte da 50.000 dollari e che, in certi casi, raggiunge cifre molto più alte. Jay "sinatraa" Won dei San Francisco Shock, per esempio, ha negoziato un salario di ben 150.000 dollari... ma potrà partecipare alla League soltanto da marzo in poi, quando compierà diciotto anni. Sono stati questi dettagli a mettere l'intero progetto dell'Overwatch League sotto una luce un po' strana. Prendiamo la squadra London Spitfire: essa dovrebbe rappresentare la capitale britannica, ma l'azienda Cloud9 che la possiede è californiana e i giocatori sono tutti coreani. Da questo punto di vista, le distinzioni regionali assumono contorni quantomeno stravaganti. Nonostante ciò, i fan più assidui della scena competitiva riconosceranno nelle squadre alcuni soprannomi famosi come Seagull, l'alias di Brandon Larned, uno streamer americano noto per le sue performance in Team Fortress 2, prima di diventare uno degli Hanzo più forti del mondo che milita nella squadra Dallas Fuel. Ai più questi nomi non diranno nulla, ma i giocatori di Overwatch che hanno seguito la crescita della community in questi due anni troveranno nel roster della League volti e nomi decisamente familiari.

C'è qualcosa anche per noi?

L'aggiornamento del 9 gennaio 2018 ha implementato una nuova voce nel menù principale di Overwatch: Overwatch League, neanche a dirlo. Questo nuovo menù segnala le partite imminenti del campionato ed elenca le squadre partecipanti. Le ricordiamo: sono Boston Uprising, Dallas Fuel, Florida Mayhem, Houston Outlaws, London Spitfire, Los Angeles Gladiators, Los Angeles Valiant, New York Excelsior, Philadelphia Fusion, San Francisco Shock, Seoul Dynasty e Shanghai Dragons. I "comuni" giocatori di Overwatch possono sostenere le loro squadre del cuore acquistando i costumi brandizzati dei vari eroi, che non si trovano nei forzieri normali ma che si sbloccano solo spendendo una nuova valuta chiamata Gettone League: 100 gettoni valgono 4,99 euro e ogni costume costa esattamente 100 gettoni. Blizzard regalerà 100 Gettoni League a ogni account che si collegherà al gioco entro e non oltre il 13 febbraio, sostanzialmente offrendo un costume gratuito da riscattare in qualsiasi momento. Calcolando che per ogni per ogni eroe sono stati aggiunti 12 costumi brandizzati e che gli eroi al momento sono 26, significa che i nuovi costumi sono in totale 312. Una percentuale di queste microtransazioni andrà a incidere direttamente sugli stipendi dei giocatori in gara, perciò in questo modo i loro fan potranno sostenerli, indossando al contempo le stesse "divise" che permetteranno di distinguerli facilmente durante le frenetiche partite del campionato. Sì, è un'altra valuta in un gioco in cui ce n'è già una... ma è sempre meglio che aprire un forziere e trovarci la divisa di una squadra che detestiamo per l'unico personaggio che non abbiamo mai voglia di giocare, no?