Overwatch League: le anticipazioni della quarta settimana, Fase 2  9

Si prospetta una settimana molto piccante, con almeno tre grossi scontri al vertice

SPECIALE di Lorenzo Fantoni   —   14/03/2018

La terza settimana di Overwatch League si è rivelata di nuovo estremamente interessante anche in questa seconda fase. Gli Spitfire sono di nuovo caduti, i Gladiators sono particolarmente in forma e Dallas ha, come previsto, tagliato xQc (qualcuno dice che finirà a San Francisco) e a quanto pare si prepara ad avviare un repulisti che potrebbe coinvolgere Cocco e Taimou, ma non si sa ancora chi arriverà visto che proprio ieri notte il loro nuovo tang, OGE, è stato bannato per boosting. Insomma, piove sul bagnato.

Giorno 1: giovedì 15 marzo

Si parte con una partita tra Boston Uprising e Dallas Fuel che, viste le attuali condizioni di Dallas, potrebbe essere persa da Boston solo ed esclusivamente se sottovalutano pesantemente l'avversario. La portata principale della serata è senza dubbio lo scontro tra New York Excelsior e Seoul Dinasty, uno scontro tra due superpotenze, tra Fleta e saebyeolbe, tra Munchkin e Pine il cui esito è abbastanza imprevedibile. Gli Excelsior hanno perso contro gli Spitfire, mentre i Dinasty non sono stati ancora testati a dovere. Nella prima fase la spuntarono gli Excelsior sul 3 a 2, ma tutto è possibile e ci aspettiamo delle giocate semplicemente terrificanti. La giornata si chiude con Fusion e Dragons in cui molto probabilmente i primi si mangeranno i secondi come ormai è prassi.

Giorno 2: venerdì 16 marzo

Risultati già deciso tra Dragons ed Excelsior, ma Dio solo sa quanto ci piacerebbe sbagliarci, mentre Valiant e Mayhem potrebbero dar vita a uno scontro più teso del previsto. Florida è probabilmente galvanizzata dall'ultima vittoria mentre i Valiant si sono leccati le ferite per tutta la settimana dopo la lezione subita dai Gladiators, probabile che vorranno subito rimettersi in sella con una bella vittoria. Per ultimo ecco un altro scontro che preannuncia scintille, quello tra Houston Outlaws e Los Angeles Gladiators. Dopo aver superato Valiant e Spitfire i ragazzi in viola sembrano inarrestabili, Houston invece deve fare pace col cervello e ritornare la macchina schiacciasassi di un tempo. All'andata fu 4 a 0 per i texani, ma oggi le cose sono un po' diverse e Fissure ha dato ai Gladiators la solidità che mancava. Ci aspettiamo una vittoria di quest'ultimi sul filo di lana.

Giorno 3: sabato 17 marzo

Si parte con una probabile vittoria di Gladiators su Mayhem e si prosegue con un match tra Spitfire e Shock che si preannuncia infuocato. Gli Shock nel frattempo hanno messo sotto contratto Min-ho "Architect" Park e Grant "moth" Espe, rispettivamente un DPS e un Support che potrebbero drasticamente cambiare la lineup di San Francisco, sempre in attesa di Sinatraa. Vogliamo sbilanciarci: secondo noi vince San Francisco. Partita tesa anche tra Uprising e Valiant, anche se probabilmente vincerà il team di Los Angeles, ma una sorpresa di Boston non sarebbe poi così strana. Arriva poi il secondo grande scontro della settimana, quello tra Dinasty e Spitfire che secondo noi vedrà vincitori i ragazzi londocoreani, che tendenzialmente si sono dimostrati più freddi e organizzati dei colleghi, ma sarà comunque un match dal tasso di skill fuori scala. Chiudono la tornata Houston e San Francisco e vale il discorso fatto precedentemente per gli Shock. Il team sta attraversando cambiamenti importanti che potrebbero renderlo una potenza o causare qualche problema in fase di transizione. Difficile ora stabilire un vincitore.

Giorno 4: domenica 18 marzo

La quarta settimana della seconda fase di Overwatch League si chiude con uno scontro tra Dallas Fuel e Philadelphia Fusion in cui è difficile pronosticare una vittoria per le fiamme blu. È veramente brutto vedere un team con quelle potenzialità finire in questo modo per degli attriti personali e l'incapacità di gestire il proprio carattere. Tuttavia, siamo solo all'inizio, con i giusti investimenti Dallas potrebbe tornare a essere un team molto competitivo e onestamente non vediamo l'ora.