Nintendo ammette di aver gestito male le uscite first party su Wii U  70

Gli errori commessi con Wii U hanno fornito indicazioni sulla strategia da adottare con Nintendo Switch

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   11/10/2017

Wii U è stato un flop per Nintendo, enfatizzato anche dal successo di Switch, console destinata a superare rapidamente i risultati ottenuti dalla precedente ammiraglia.

Ebbene, Nintendo ha ammesso di aver commesso degli errori con Wii U, nella fattispecie di aver gestito male le uscite first party, quelle che avrebbero dovuto mantenere alta l'attenzione da parte degli utenti e assicurare un futuro brillante alla piattaforma.

"Con Wii U ci sono state alcune uscite importanti all'inizio, seguite però da un periodo molto arido", ha dichiarato il vice-president of marketing Doug Bowser ai microfoni di Business Insider. "Dal punto di vista delle produzioni first party, con Switch abbiamo quantomeno cercato di fornire un supporto migliore, più ponderato."

Bowser ha quindi fatto l'esempio di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, un grande successo che ha contribuito a vendere l'hardware e ad aumentare la popolarità del franchise, coinvolgendo nuovi utenti, e di Mario Kart 8 Deluxe, uno dei prodotti che attingono dalla ludoteca di Wii U per rilanciare esperienze che tanti giocatori non hanno avuto modo di provare.