A quanto pare, The Legend of Zelda: Breath of the Wild ha salvato la vita al noto youtuber Derek Buck, letteralmente  57

Una quest veramente importante per Link

NOTIZIA di Giorgio Melani   —  13 giorni fa

The Legend of Zelda: Breath of the Wild ha ottenuto già tantissimi riconoscimenti ed è indubbiamente uno dei migliori giochi usciti in questi anni, se non di sempre, ma alcuni aneddoti fanno capire meglio l'importanza che questo titolo può aver ricoperto per alcuni utenti.

In un lungo e toccante articolo pubblicato da GamesRadar, il noto youtuber Derek Buck ha spiegato come il gioco Nintendo gli abbia a tutti gli effetti salvato la vita. Il personaggio forse non è molto conosciuto da queste parti, ma nei paesi anglosassoni era particolarmente seguito con la sua serie "Classic Game Room", che aveva raggiunto un grande successo prima di essere chiusa nel 2015. A quanto pare, questo evento unito ad altre questioni personali tra cui un divorzio incombente avevano gettato Buck in un profondo stato depressivo, fino all'idea di togliersi la vita.

A quanto pare, un fattore determinante nel superamento di una fase così critica è stato proprio il ritrovarsi con una sua vecchissima passione: The Legend of Zelda, che proprio in quei giorni stava tornando sulle scene in una delle sue espressioni migliori (se non la migliore in assoluto): "Proprio mentre alcune delle più importanti relazioni nella mia vita stavano vacillando, una delle più vecchie stava per essere riaccesa", ha spiegato Buck al sito in questione. "Proprio mentre stavo perdendo il mio matrimonio, la mia carriera, la mia ambizione e il mio stesso interesse ad alzarmi dal divano al mattino, stavo anche ottenendo qualcosa. Qualcosa più importante di quanto avessi realizzato in un primo momento, e forse di quanto riesca a realizzare ancora. Proprio quando avevo bisogno di un amico più di qualsiasi altra cosa, eccolo là", ha proseguito Buck, riferendosi a Link. Consigliamo comunque la lettura dell'articolo perché si tratta di un pezzo decisamente toccante, specialmente per dei videogiocatori.