È stata Activision a chiedere a Sledgehammer di tornare alla seconda guerra mondiale con Call of Duty: WWII  20

Activision ha voluto il ritorno alla seconda guerra mondiale con Call of Duty: WWII

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —  9 giorni fa

Capace di incassare al lancio oltre 500 milioni di dollari, con un +57% rispetto all'episodio precedente nel Regno Unito, Call of Duty: WWII ha riportato il franchise Activision nello scenario della seconda guerra mondiale.

Una scelta vincente frutto della volontà del publisher, che ha chiesto a Sledgehammer Games di lavorare in tale direzione, laddove il team avrebbe voluto inizialmente realizzare un nuovo episodio di Advanced Warfare.

A rivelare questo retroscena è stato il CEO di Activision, Eric Hirshberg, durante un'intervista con Newsweek. L'azienda ha voluto fortemente un ritorno alla seconda guerra mondiale e ha pensato che i ragazzi di Sledgehammer avrebbero fatto un ottimo lavoro, sia in termini di autenticità che di ampiezza dell'esperienza.

Hirshberg ha lasciato intendere che nell'orizzonte di Call of Duty non mancheranno scenari contemporanei o futuri, ma che per il momento il focus della serie è appunto la seconda guerra mondiale.