Bandai Namco vuole raddoppiare il business: più proprietà intellettuali, più localizzazioni e su più piattaforme  24

Più piattaforme, più titoli e più localizzazioni nel futuro di Bandai Namco

NOTIZIA di Giorgio Melani   —  9 giorni fa

In un'intervista pubblicata da MCV UK, il VP of marketing europeo di Bandai Namco, Hervé Hoerdt, ha esposto la volontà della compagnia di espandere il proprio business allargandosi in maniera particolare ai mercati occidentali, al di là del rinnovato impegno promesso su Switch con i tre possibili titoli da annunciare nel 2018.

Per raggiungere l'obiettivo, l'idea è di passare attraverso un incremento delle proprietà intellettuali da immettere sul mercato, un aumento dei prodotti localizzati in occidente e di piattaforme interessate. "Siamo una compagnia incentrata sul Giappone e la maggior parte dei nostri contenuti al momento arriva da là", ha spiegato Hoerdt, "ma abbiamo mantenuto come obiettivo la stessa utenza per anni, dunque adesso vogliamo raddoppiare le dimensioni del nostro business e lo faremo comprendendo più piattaforme, più traduzioni e più proprietà intellettuali".

Tutto questo si dovrebbe tradurre anche in un maggiore impegno del publisher su nuove produzioni, anche occidentali, e sull'espansione del catalogo su Xbox e PC: "Le compagnie giapponesi sviluppano soprattutto su piattaforme Nintendo e PlayStation, ma si sta espandendo il pubblico su Xbox e su PC. Vogliamo inoltre che una maggiore quantità di persone possano godere dei nostri titoli, dunque estenderemo le localizzazioni in altre lingue". Infine, si tratta anche di estendere il catalogo di proprietà intellettuali, adottando un approccio misto tra grandi produzioni e titoli di dimensioni minori. In questo modo, secondo Hoerdt, si garantisce una certa diversità di offerta per i propri prodotti, piuttosto che concentrare grandi budget su pochi titoli di grosso calibro: "Troveremo una via di mezzo. Idealmente, potremmo avere due o tre grossi titoli in vari generi che possano piacere a diversi utenti nel primo tier, e poi un secondo tier composto da tre o cinque giochi di produzione simile a quella di Little Nightmare, per esempio". Qualcosa di nuovo oltre alla linuep mostrata nel corso del Tokyo Game Show 2017 è dunque probabile, a questo punto.