Warren Spector nega il rapporto fra videogame e violenza, ma dice che certi sviluppatori si dovrebbero vergognare  60

L'autore di Deus Ex non è rimasto ben impressionato dal celebre montaggio mostrato da Donald Trump

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   14/03/2018

Avete presente il montaggio mostrato da Donald Trump per discutere del rapporto fra videogame e violenza? Si trattava di un filmato che includeva sequenze tratte da giochi come Call of Duty, Wolfenstein: The New Order, Friday the 13th e altri ancora, incluse in maniera decontestualizzata ai soli fini di mostrare l'alto livello di gore rappresentato.

Ebbene, Warren Spector si è pronunciato sull'argomento pubblicando un tweet che ha scatenato un vero e proprio putiferio. In pratica il padre di Deus Ex ha negato il rapporto fra videogame e violenza, ma ha detto senza mezzi termini che gli autori dei giochi mostrati nel montaggio si dovrebbero vergognare, perché quel tipo di sequenze rappresentano episodi di cattivo gusto e veri e propri autogol per l'intera industria.

Non sono mancate le risposte, anche da parte di professionisti del settore come Randy Pitchford. C'è chi ha fatto notare a Spector che lui stesso ha inserito sequenze violente nell'originale Deus Ex e in System Shock, mentre Pitchford ha parlato di un montaggio fatto ad arte, con sequenze decontestualizzate: un filmato simile si sarebbe potuto realizzare anche sulla base dei giochi sviluppati da Spector.