Mafia III: lo studio di sviluppo starebbe faticando a ritrovare la sua strada e sarebbe ancora senza progetti 27

Hangar 13 non è più lo studio di Mafia III

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   13/04/2018

Spesso il nome di un team di sviluppo è davvero soltanto un'etichetta appiccicata a qualcosa senza una sua identità. Un'affermazione così secca ben si adatta all'attuale situazione di Hangar 13, lo studio di sviluppo di Mafia III, di cui il sempre ottimo Jason Schreier ha raccontato le attuali vicissitudini in un lungo reportage pubblicato su Kotaku.

L'articolo è davvero molto lungo e dettagliato e ripercorre con grande attenzione la storia di Hangar 13, studio nato proprio intorno al progetto Mafia III. Di base viene raccontato che quando il gioco è uscito le reazioni della critica sono state varie. Le recensioni non sono state molto positive, ma il morale dello studio è rimasto alto considerando che in tutte è stata lodata la qualità della narrazione. Inoltre nelle settimane successive Take-Two ha annunciato che Mafia III è stato il gioco della serie venduto più velocemente.

Crisi rientrata? Non proprio, perché da allora Hangar 13 sta faticando a ritrovare la sua strada, ossia un nuovo progetto. Inoltre lo studio è stato spacchettato, con molti membri del team assegnati ad altri studi per progetti differenti e altri licenziati. Insomma, del team originale sono rimasti pochissimi sviluppatori, alcuni progetti in pre-produzione sono stati cancellati o completamente cambiati. Tra questi il mai annunciato Rhapsody, che pare abbia avuto dei primi mesi travagliatissimi, con cambiamenti continui al progetto che hanno frustrato moltissime persone, portandole a guardarsi intorno per cercare una via di fuga. L'ultima serie di licenziamenti è avvenuta il 15 febbraio 2018, probabilmente per motivi finanziari. Nel frattempo non è ancora chiaro quale sia il prossimo progetto dello studio e cosa diventerà con il tempo. Speriamo che non si perda nel nulla.