Il team di sviluppo di Mafia III ha aperto una nuova sede nel Regno Unito, coinvolti alcuni ex sviluppatori di Split/Second  5

Nonostante le difficoltà degli ultimi anni, Hangar 13 si espande

NOTIZIA di Davide Spotti —   15/05/2018

Hangar 13, il team di sviluppo del criticato terzo capitolo di Mafia, ha aperto una nuova sede a Brighton, nel Regno Unito. Nell'operazione è stato assorbito anche un piccolo team indipendente inglese, composto da ex sviluppatori di Black Rock Studio (Split/Second), tra cui il veterano dell'industria Nick Baynes.

La nuova squadra si concentrerà sullo sviluppo di nuovi titoli tripla A destinati al mercato console e si interfaccerà con gli altri tre uffici già esistenti di Hangar 13, con l'obiettivo di creare un grosso titolo non ancora annunciato.

"È stata una nostra specifica scelta", spiega il vice presidente dello sviluppo, Andy Wilson, in un'estesa intervista rilasciata a GamesIndustry. "Tutto è nato dal fatto che io e Nick abbiamo lavorato insieme in Black Rock. Alla GDC dello scorso anno ci siamo incontrati e Nick aveva creato un piccolo studio con alcuni ex colleghi del team di Split/Second. Erano interessati a tornare nello sviluppo console e a noi serviva un partner per alcuni lavori, così abbiamo iniziato".

"Brighton e il Sud Est sono ancora ricchi di talenti, con esperienze nel settore console, ma c'è una carenza in questo campo nel Regno Unito. Ovviamente ci sono ancora molti progetti tripla A. Ma il motivo per cui risiedo in California è che gli studi che si occupano di questi giochi hanno iniziato ad arretrare", ha proseguito Wilson. "Crediamo che sia un'opportunità per dare un po' di ossigeno al settore dello sviluppo su console nel Regno Unito".