La chiusura di Boss Key Productions e il futuro incerto di Cliff Bleszinski: quando sviluppare giochi multiplayer senza idee non aiuta 35

L'avventura di CliffyB e Boss Key Productions si è conclusa nel peggiore dei modi

NOTIZIA di Davide Spotti —   15/05/2018

Come un fulmine a ciel sereno, ieri sera Cliff Bleszinski ha annunciato che la breve cavalcata di Boss Key Productions è giunta al capolinea. A dire il vero le avvisaglie che lo studio non se la stesse passando bene c'erano eccome, ma nessuno si aspettava che il canto del cigno arrivasse a solo un mese dal lancio della versione Alpha di Radical Heights, il titolo con cui gli sviluppatori hanno cercato di risollevarsi dopo il cocente fallimento di LawBreakers.

Qui di seguito riportiamo, nella sua interezza, il post condiviso da Cliff Bleszinski sui social nella serata di ieri: "A partire da oggi Boss Key Productions non esiste più. Quattro anni fa sono partito con l'intento di creare uno studio di primo piano e ho assunto alcuni dei migliori talenti dell'industria. Hanno lavorato instancabilmente per creare prodotti di qualità e, anche se abbiamo avuto alti e bassi, mi piace pensare che ci siamo divertiti LawBreakers era un gran gioco, che sfortunatamente non è riuscito a fare presa; come ultimo tentativo abbiamo cercato di creare un titolo battle royale con Radical Heights, che è stato recepito bene, anche se ormai era un po' tardi".

"Per quanto mi riguarda, mi prenderò una pausa e rifletterò. Devo concentrarmi su me stesso e sulla mia famiglia, oltre al mio Aussie, Teddy, che ci sta lentamente lasciando. I videogiochi saranno sempre una parte di me e spero un giorno di realizzare qualcosa di nuovo, tuttavia ho bisogno di ritirarmi e prendermi del tempo. Voglio ringraziare dal profondo del cuore chi di voi ha supportato me e lo studio in questi ultimi quattro anni e tutte le persone che sono venute a lavorare per me. Tenete presente che i server di Radical Heights rimarranno attivi nel prossimo futuro".

Bleszinski aveva annunciato la formazione di Boss Key Productions nel 2014 e poco tempo dopo era stato presentato LawBreakers, shooter arena che si prefiggeva di attrarre una nicchia di appassionati degli sparatutto competitivi con un sistema di gioco volto ad esaltare le abilità individuali di ciascun partecipante. Purtroppo per Boss Key, le velleità dell'opera sono state vanificate sul nascere: la community di LawBreakers non è mai decollata e nell'arco di qualche mese se ne sono andati anche quei pochi utenti che avevano provato a dargli una possibilità al lancio.

Lo scorso autunno Boss Key ha preso in considerazione l'idea di rendere il gioco free-to-play, ma dopo aver temporeggiato per alcune settimane ha preferito mettersi subito al lavoro su un secondo progetto. Nel frattempo Arjan Brusee, l'altro co-fondatore dello studio, ha deciso di lasciare l'azienda per tornare in Epic Games, dove ha avuto modo di dedicarsi alla versione mobile di Fortnite. In fretta e furia è stato messo in piedi Radical Heights, che in linea teorica avrebbe dovuto intercettare una parte dell'oceanico pubblico che nell'ultimo anno si è interessato a Playerunknonwn's Battlegrounds e Fortnite.

Come ricorderete il gioco ha debuttato in aprile, lasciando grossi punti interrogativi per non aver provato a proporre qualcosa di originale nel già saturo panorama dei titoli battle royale, ormai fagocitato dai due colossi appena citati. Come scriveva Tommaso Valentini nel suo provato: "Radical Heights è un prodotto fatto senza cuore, con il chiaro intento di cavalcare l'onda del successo lasciata da Fortnite e Playerunknown's Battlegrounds senza però capirne e comprenderne le ragioni che hanno portato i titoli succitati ad espandersi a macchia d'olio sul mercato".

Voi che ne pensate? CliffyB troverà il modo di tornare a creare videogiochi di successo o trovate che abbia esaurito gli stimoli? Fatecelo sapere nei commenti!