Ori and the Will of the Wisps: luci dinamiche e scenari reattivi  7

Il CEO di Moon Studios spiega due aspetti che hanno portato notevoli evoluzioni in Ori and the Will of the Wisps

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   11/07/2018

Tra i titoli più attesi per Xbox One c'è sicuramente Ori and the Will of the Wisps: chiunque abbia avuto a che fare con il capitolo precedente non può che attendere con impazienza il ritorno nelle particolari atmosfere del metroidvania di Moon Studios, che si preannuncia peraltro ulteriormente migliorato.

Il CEO del team, Thomas Mahler, ha già riferito di come gli sviluppatori abbiano intenzione di sfruttare l'occasione del nuovo capitolo per creare un metroidvania che perfezioni il genere ibrido in questione e alcuni altri dettagli derivano sempre dalla stessa intervista pubblicata dal Daily Star, riportati da WCCFtech. Tra i vari miglioramenti tecnici applicati a Ori and the Will of the Wisps c'è un nuovo sistema di illuminazione che prevede ora un sistema dinamico, che determina una reazione alla luce di ogni singola texture presente nel gioco. "Questo significa che abbiamo disegnato il light masking su ogni superficie e ogni singolo asset del gioco" in modo da far emergere l'illuminazione su ogni oggetti che viene toccato da questa in maniera dinamica.

Inoltre, un altro aspetto nuovo è l'implementazione della fisica a un livello più profondo e pervasivo, rendendo gli scenari più reattivi e mobili in base a quello che succede sullo schermo: "Qualsiasi cosa su cui vi troviate, qualsiasi cosa con cui interagiate, si muove a tempo con Ori, nel suo spazio all'interno del mondo di gioco. Ci ha richiesto parecchio tempo ma siamo molto felici dei risultati raggiunti, ha un aspetto molto migliore rispetto alle immagini statiche adesso".

Scarica il Video