Pokémon Spada e Scudo, il boicottaggio ha ottenuto l'effetto contrario 72

Il boicottaggio di Pokémon Spada e Scudo ha ottenuto l'effetto contrario a quello sperato, lasciando un po' di amarezza nei più critici.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   24/01/2020

Il boicottaggio di Pokémon Spada e Scudo ha ottenuto l'effetto contrario a quello sperato, almeno stando ai numeri del gioco. Il sito Dexerto ha ricostruito un po' la situazione, ricordando le lamentele seguite ai vari annunci, in particolare quello dell'assenza dei Pokémon dei vecchi capitoli, con le minacce di non acquistarlo per far fallire la serie e Game Freak, così da dargli una lezione.

Per adesso però i numeri disponibili ci danno un quadro completamente differente di come stanno andando le cose. Pokémon Spada e Scudo hanno venduto 3,5 milioni di copie in Giappone in dieci settimane, di cui nove passate in prima posizione e la decima in terza. L'ultima fatica di Game Freak ha superato anche Splatoon 2 per vendite, amatissimo in patria, ed è probabile che diventi uno dei capitoli più venduti della serie.

I numeri fatti dal gioco in occidente ancora non si conoscono, ma è probabile che complessivamente Pokémon Spada e Scudo sia andato meglio dei Pokémon Let's Go, sempre per Nintendo Switch, che si sono fermati a 11,28 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Ovviamente con questo non vogliamo dire che protestare sia inutile, perché probabilmente Game Freak terrà conto di alcuni dei dubbi sollevati dai fan per i prossimi giochi (si spera), solo che le vendite eccellenti contano di più come segnale, perché indicano che a lamentarsi è stata una minoranza rumorosa e non la gran massa dei giocatori.