Sekiro: Shadows Die Twice, dettagli sull'hub centrale del gioco 17

L'hub di Sekiro: Shadows Die Twice è il Dilapidated Temple, un elemento che sembra rientrare, più di altre caratteristiche del gioco, nella tradizione dei Souls.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   10/01/2019

Nelle ultime ore sono emerse parecchie informazioni su Sekiro: Shadows Die Twice, grazie anche all'esteso approfondimento pubblicato sulle pagine di Game Informer i cui dettagli stanno emergendo progressivamente online, come questi elementi emersi sull'hub del gioco.

Dopo aver parlato tra l'altro del nuovo sistema di progressione, dell'assenza della modalità multiplayer e della possibilità di mettere il gioco in pausa, vediamo ora qualche dettaglio sull'hub di gioco che avrà un ruolo centrale in Sekiro: Shadows Die Twice, in maniera simile a quanto avviene anche in Dark Souls e Bloodborne. L'hub del gioco è il Dilapidated Temple, una zona franca che ha diverse funzioni nel gameplay, consentendo di concentrarci sul protagonista per applicare le evoluzioni conquistate o portare avanti quest ed altri elementi.

All'interno troviamo diversi NPC, con la possibilità di farli aumentare visto che molti di quelli che incontriamo nel corso della storia troveranno poi un posto all'interno del tempio. Tra questi, ad esempio, lo Scultore consente di ottenere nuove abilità, l'Immortal Soldier ci consente di allenarci nell'utilizzo degli oggetti da combattimento, Emma ci consente di gestire le Healing Gourds, ovvero gli oggetti curativi che corrispondono un po' alle Estus Flask dei souls.

Altri personaggi verranno inseriti all'interno del Dilapidated Temple e questo consentirà di sviluppare o riprendere le quest secondarie del gioco, con punti di accesso che consentono di raggiungere varie ambientazioni in maniera semplificata, attraverso l'apertura di nuovi accessi che avviene progressivamente nel corso di Sekiro: Shadows Die Twice. Sarà inoltre possibile tornare facilmente al tempio da altri punti del mondo di gioco, utilizzando gli Sculptor's Idol che si trovano in giro.