Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence, recensione

Una saga storica approda su PlayStation 4, siete pronti per darvi alla strategia?

RECENSIONE di La Redazione    —   12/09/2015
25

Sconosciuta ai più, la serie di Nobunaga's Ambition risale addirittura al 1983, avendo toccato una moltitudine di piattaforme attraverso gli anni senza mai cambiare identità, ovvero quella di un titolo strategico complesso che ci regala tutto il fascino del Giappone feudale.

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence, recensione

Purtroppo la barriera linguistica e la penuria di questa tipologia di prodotti su console sono elementi che hanno contribuito alla sua scarsa diffusione in Occidente, laddove su PC il genere vede invece tanti e validi esponenti. Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence è arrivato quindi con grande sorpresa su PlayStation 4, mentre - purtroppo - non stupisce più di tanto come è stato adattato sulla piattaforma. La curva di apprendimento è purtroppo estremamente ripida e non aiuta nemmeno l'ambientazione storica del periodo Sengoku, ricca di fascino, sì, ma in grado di catturare il massimo interesse solo dagli appassionati di cultura nipponica. Il colpo di grazia arriva dall'assenza totale di localizzazione italiana: il titolo è completamente in inglese, sia a livello testuale che di doppiaggio, ma con la possibilità, per gli irriducibili, di impostare l'audio in giapponese. Il risultato è che rimane poco o nessun margine per nuovi fan: il titolo è rigorosamente per una nicchia precisa di utenti, che sanno bene di cosa stiamo parlando. Tolto questo, che non è poco, Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence rimane una produzione di elevata quanto indubbia qualità.

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence è un titolo complesso ma appagante

Tutta mia la città

Il gioco cerca di spezzare il ghiaccio proponendo una lunga fase tutorial che cerca di essere il più didascalica possibile. In questo "prologo" vestiamo i panni di un giovane lord, Hideyoshi Kinoshita, impegnato a gestire un piccolo agglomerato di provincia sotto la guida di un esperto mentore, Masahide Hirate.

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence, recensione
Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence, recensione

Tuttavia neanche in questo modo si riesce ad agevolare un approccio facilitato alle meccaniche di gioco: le descrizioni sono innumerevoli e si perdono in un'infinità di menu e testi, non sempre facilmente leggibili su un televisore, esacerbati da un ritmo estremamente lento e svariate attività collaterali e interconnesse, che rischiano di far perdere istantaneamente il filo logico al giocatore. La mancanza anche di uno solo tassello può rivelarsi problematica nella comprensione dell'intero quadro. Qui Tecmo Koei ha delle responsabilità, poiché si poteva lavorare un minimo per rendere la versione console più accessibile; in sostanza siamo di fronte a un tipico titolo PC in tutto e per tutto, a partire dai menu di configurazione. Tornando al nostro condottiero in erba, dobbiamo gestire le piccole pratiche quotidiane del nostro villaggio, riportando celermente al consiglio le spese e le operazioni effettuate. In questa fase preliminare si imparano a gestire le risorse a disposizione, effettuare lavori e stringere accordi con altri clan, il tutto attraverso una serie di menu posti sul lato sinistro dello schermo: questi gestiscono anche il passare del tempo, che può essere fermato in qualsiasi momento, entrando in pausa. È comunque necessario chiudere il ciclo per entrar nel "loop" successivo, che inizia sempre con l'assemblea del consiglio. Per intendersi, la fase di pausa serve per prendere tutte le decisioni strategiche del caso, mentre quella in tempo reale mette in pratica gli effetti sulla mappa di ciò che abbiamo stabilito. A una fase di pura amministrazione subentra poi quella dei combattimenti, dove dobbiamo gestire le truppe e purtroppo assistere agli effetti di quelle avversarie. Come detto, sarà di aiuto creare una rete di alleanze per aumentare il proprio potere offensivo e di espansione, tenendo però bene in mente che non tutti sono ben disposti nei nostri confronti, anche se un lavoro impeccabile nelle operazioni diplomatiche potrebbe fare la differenza.

Trofei PlayStation 4

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence presenta 39 Trofei, alcuni arriveranno naturalmente conquistando i primi risultati, come costruire la nostra prima fortezza o vincere la prima battaglia. Altri risultano maggiormente complessi, come guadagnarsi tutti i vari finali possibili. Buona fortuna!

Il mio Giappone

Sotto il profilo tecnico, Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence è una produzione che punta al lato pratico. Il genere dei grand strategy a turni non richiede una realizzazione grafica particolarmente complessa, ma nel suo piccolo Koei Tecmo ha inserito particolari che, pur certo non mettendo sotto torchio l'hardware PlayStation 4, risultano apprezzabili. Si può ruotare ed effettuare zoom sullo scenario poligonale, ambiente che è impreziosito da un piacevole sistema di gestione delle nuvole, con la loro ombra che si proietta dinamicamente sulla mappa creando un effetto realistico. Buone anche le texture e il frame rate, a sessanta fotogrammi al secondo, seppure con qualche calo. Ottime invece le musiche orchestrali, forse più indicate per un setting fantasy medievale piuttosto che il Giappone del sedicesimo secolo, ma riescono a creare il feeling giusto di un prodotto comunque molto sofisticato.

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence, recensione

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence è un mosaico complesso ed ermetico, che chiede attenzione e dedizione da parte del giocatore, molto più della media dei prodotti che solitamente siamo abituati a giocare su console. Quello che è doveroso puntualizzare è però la soddisfazione ricavata dopo aver compreso in fondo le sue meccaniche, in grado di restituire con gli interessi tutto il tempo investito per assimilarle. La libertà concessa al giocatore è pressoché totale, così come le possibili evoluzioni dello scenario; l'espansione del nostro impero è sempre legata alle nostre azioni. Il rovescio della medaglia è trovare la costanza e l'interesse per superare la barriera contrapposta dal titolo da parte di chi non è avvezzo al genere: è vero che è possibile affidare all'intelligenza artificiale l'intera gestione del clan, ma in questo modo si diventa semplici spettatori, precludendosi anche la conquista di diversi Trofei.

Commento

Versione testata PlayStation 4
Multiplayer.it

8.0

Lettori (8)

6.6

Il tuo voto

Nobunaga's Ambition: Sphere of Influence è un titolo strategico vasto quanto intollerante nei confronti dei neofiti, risultando ostico da comprendere e per niente a suo agio in ambito console. La comprensione delle meccaniche è inoltre resa ulteriormente complessa dalla mancanza di una localizzazione in italiano. Questa è la principale critica imputabile a Tecmo Koei, che avrebbe potuto impegnarsi per rendere il gioco più accessibile per l'utenza console, un aspetto particolarmente significativo considerando che quello che abbiamo tra le mani è forse l'unico esponente di spessore. Sotto questo punto di vista si tratta di un'occasione mancata. Per il resto c'è davvero poco di cui lamentarsi: siamo di fronte a una produzione di qualità e immensa sotto il lato contenutistico, quasi soverchiante, che farà la gioia degli appassionati e che può godere di un'ambientazione indubbiamente affascinante.

PRO

  • Complesso e ricco di contenuti
  • Tecnicamente funzionale ma piacevole
  • Sa ricompensare lo sforzo investito
CONTRO
  • Non per tutti
  • Decisamente ostico per i neofiti
  • Menu e testi scomodi da leggere