La battaglia dei pianeti  10

Planet of Heroes propone un'interpretazione alternativa e immediata dei MOBA sui dispositivi mobile

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   17/03/2017

Lo abbiamo ribadito più volte: i multiplayer online battle arena funzionano decisamente bene sui dispositivi touch, grazie a un'interfaccia molto vicina a quella originale e all'impegno di sviluppatori che non hanno voluto rinunciare allo spessore strategico di questo tipo di produzioni, ottenendo ugualmente un ottimo riscontro.

Viene subito alla mente il nome di Vainglory, ma come detto i titoli appartenenti a questo filone sono svariati e da qualche giorno ce n'è uno in più: Planet of Heroes. Realizzato da Fast Forward Studio e prodotto da Mycom, il gioco è già disponibile su App Store e dovrebbe arrivare a breve su Google Play, in entrambi i casi forte del tradizionale modello free-to-play, con una manciata di personaggi accessibili gratuitamente e altri da acquistare utilizzando denaro reale o racimolando moneta virtuale con un (bel po') di pazienza. A sorprendere è la formula messa a punto dagli autori, che hanno voluto semplificare un po' i meccanismi tipici dei MOBA: anziché avere due o tre corsie parallele, gli scontri tre-contro-tre in tempo reale di Planet of Heroes si svolgono nell'ottica di un unico percorso, sebbene sia presente nella parte inferiore della mappa un "sottobosco" dov'è possibile trovare avversari controllati dall'intelligenza artificiale e prendere utili scorciatoie verso le torri nemiche. Queste ultime vanno affrontate in maniera classica, attendendo dunque l'arrivo dei minion che possano assorbirne gli attacchi, con il fine ultimo di raggiungere la terza postazione e distruggerla per ottenere la vittoria. È inoltre stato eliminato l'elemento del grind, la crescita che ogni eroe compie nell'ottica di un singolo match e che porta allo sblocco di diverse armi e oggetti con cui affrontare la battaglia.

Planet of Heroes offre un'interpretazione immediata e accessibile dei MOBA sui dispositivi mobile

Sei eroi uniti qui

I personaggi di Planet of Heroes attualmente disponibili si dividono in varie categorie, sebbene non ci sia una classificazione netta come accade nei MOBA classici. È tuttavia facile individuare gli eroi che si comportano come tank, potenti e resistenti, ideali per gli scontri ravvicinati, nonché quelli che prediligono gli attacchi dalla distanza ma subiscono in modo particolare i combattimenti corpo a corpo.

Specializzazioni più raffinate non avrebbero avuto molto senso nell'ambito di scontri tre-contro-tre, e infatti durante le partite ci si sente abbastanza liberi di scegliere i guerrieri che si preferiscono, o che si desidera far crescere, senza preoccuparsi più di tanto del bilanciamento della squadra. È in effetti la spensieratezza l'elemento chiave del gioco, complice anche un matchmaking molto rapido ed efficace, la presenza di pochi problemi relativi al lag e un buon bilanciamento fra le mosse disponibili, nell'ottica di un equipaggiamento che può comunque essere potenziato utilizzando gli oggetti ottenuti con le vittorie e il denaro virtuale, quest'ultimo fondamentale anche per lo sblocco di rune che attivano determinati perk. Dopo alcune partite in multiplayer l'esperienza di Planet of Heroes si arricchisce inoltre di alcune simpatiche missioni in single player, che adottano un approccio action RPG per farci affrontare una serie di nemici, gestendo da soli un gruppo composto da tre personaggi. Un extra di valore, che fa il paio con un'ottima realizzazione tecnica, fluida e davvero pregevole per quanto concerne il design degli eroi.

Scarica il Video

Versione testata
iPhone (1.0)
Digital Delivery
App Store
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

8.0

Lettori

S.V.

Il tuo voto

Planet of Heroes propone un'interpretazione immediata e accessibile dei MOBA sui dispositivi mobile, adottando una serie di semplificazioni e "sveltendo le pratiche" che solitamente caratterizzano questo genere di produzioni, ma senza rinunciare alla solidità di un impianto che si rivela fin da subito ben bilanciato, divertente e accompagnato da un comparto tecnico di pregio. Al netto di qualche perplessità sui possibili risvolti pay-to-win del modello freemium, il titolo di Fast Forward Studio offre un'esperienza discretamente ricca e divertente, complici anche le missioni in single player.

PRO

  • Un MOBA semplice e immediato
  • Matchmaking rapido, bei personaggi
  • Ci sono anche le missioni in single player

CONTRO

  • Qualche dubbio sui risvolti pay-to-win
  • Limitato per i puristi del genere
  • Per avere tutti i personaggi bisogna pagare