Superficiale, ma in senso buono: la recensione di Flat Pack  0

L'ennesimo bel gioco di Nitrome, con la ciliegina sulla torta della modalità in realtà aumentata

RECENSIONE di Fabio Palmisano   —  7 settimane fa

Che Nitrome sia una delle poche software house in ambito mobile a saper coniugare magistralmente un'estrema prolificità con un'ammirevole varietà e qualità dei propri titoli è cosa oramai nota: a queste doti da oggi si può ascrivere anche la tempestività, dato che la compagnia britannica è una delle prime a uscire su App Store con un prodotto in grado di sfruttare le nuove librerie per la realtà aumentata messe a disposizione da Apple. Ai possessori di iPhone e iPad, il qui presente Flat Pack è in grado dunque di offrire una spettacolare funzione per giocare attraverso la fotocamera posteriore del dispositivo, ma tutti gli altri si possono comunque consolare grazie all'ottimo gameplay dell'ultimo nato in casa Nitrome.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

3x2 dimensioni

Flat Pack è uno di quei classici titoli molto più facili da giocare che da spiegare, ma una buona base di partenza per capire di cosa tratta il prodotto Nitrome è la sua analogia con il celebre Fez per quel che concerne la particolare commistione tra 2D e 3D. Il protagonista - un bizzarro "coso" rosa con un'elica sulla testa - si sposta dunque su un piano bidimensionale, che però è adagiato su strutture poligonali a forma di parallelepipedo: quando si raggiunge il bordo del lato sul quale ci si sta muovendo, la figura effettua una rotazione sulla stessa asse, consentendo di proseguire su un'altra facciata.

Il fatto interessante è che questi cambiamenti nello scenario influiscono anche sulla gravità, che si adatta al senso assunto dalla superficie di gioco e che dunque diventa una fondamentale variabile da tenere in considerazione per poter arrivare fino in fondo. Obiettivo principale di ogni livello è quello di raccogliere tutti gli orb luminosi sparsi in giro, allo scopo di sbloccare l'uscita e passare così allo schema successivo: una struttura di base estremamente semplice, che però gli sviluppatori hanno saputo sfruttare al meglio grazie a un oculatissimo lavoro di level design. Ecco dunque che in Flat Pack l'avanzare negli stage va di pari passo con l'introduzione progressiva di tanti elementi di gameplay - piccoli o grandi che siano - che contribuiscono a mantenere l'azione sempre fresca e interessante: si passa da cose tutto sommato banali come nuovi nemici o ostacoli da superare fino a soluzioni che cambiano radicalmente il modo di interpretare i livelli, come pareti che si muovono in autonomia o cariche di esplosivo da detonare nell'ordine corretto per aprire la strada giusta da imboccare per raggiungere il traguardo. Tutti aspetti che contribuiscono a rendere Flat Pack un titolo dal sapore unico, che peraltro ha l'ulteriore grande merito di riuscire a dosare sapientemente il livello di sfida, risultando impegnativo il giusto senza scadere nell'eccessivamente cervellotico. Volendo cercare il pelo nell'uovo si potrebbe dire che, a differenza di molti titoli analoghi, Flat Pack non faccia uso di grandi stratagemmi per invitare l'utente a ritornare sui propri passi e affrontare nuovamente gli stage già completati, una scelta che inevitabilmente finisce a discapito della longevità.

Tuttavia si tratta di un peccato veniale che è ancor più facile perdonare se si considera quanto poco il titolo faccia pesare la sua natura di free to play, che si manifesta soltanto in alcuni annunci pubblicitari peraltro davvero poco invasivi. Dal punto di vista grafico, Flat Pack non verrà ricordato come il più bel prodotto Nitrome di sempre (complice anche una direzione artistica così così), ma riesce comunque a stupire grazie alla modalità in realtà aumentata, al momento disponibile solo su iOS: selezionandola, viene attivata la fotocamera posteriore del dispositivo, ed è sufficiente dirigerla verso il pavimento per vedere il livello di turno proiettato su di esso, con l'utente che può muoversi a piacimento per osservarlo in tutte le angolazioni mentre continua ad agire sul touchscreen per comandare il protagonista. Una soluzione decisamente più spettacolare che realmente comoda per giocare, ma che consigliamo senza dubbio di provare a chi ne ha la possibilità.

Versione testata
iPhone (1.0.3)
Digital Delivery
App Store, Google Play
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

8.5

Lettori

S.V.

Il tuo voto

Altro giro, altra corsa, altro free to play di assoluto valore pubblicato da Nitrome: Flat Pack mette in mostra i tratti tipici delle produzioni della software house britannica quali originalità, intuitività e solidità del gameplay, mettendoli al servizio di una struttura ludica classica nell'impostazione ma decisamente fresca per come viene offerta. Divertente e impegnativo il giusto, Flat Pack ha inoltre il merito di lasciarsi giocare gratuitamente scendendo a piccolissimi compromessi, elementi che fanno passare in secondo piano una cosmesi senza acuti e una longevità non esaltante. Da provare infine la modalità in realtà aumentata, davvero ben realizzata anche se non incredibilmente funzionale al gameplay.

PRO

  • Divertente, impegnativo e originale
  • Struttura di gioco ben calibrata
  • Spettacolare in realtà aumentata...

CONTRO

  • ...ma si gioca meglio in versione classica
  • Non eccessivamente longevo
  • Graficamente niente di che