Darkness Rises, la recensione 32

Bolean Games e Nexon ci propongono un action RPG di straordinaria qualità, immediato e spettacolare

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   27/06/2018

Darkness Rises punta a imporsi all'interno di un filone, quello degli action RPG, che sui dispositivi mobile va molto forte, grazie in primo luogo ad alcuni ottimi esponenti. Parliamo tuttavia della nuova produzione targata Nexon, il che significa che il team di sviluppo ha avuto a disposizione le risorse necessarie per portare a termine un compito così gravoso, e la cosa risulta evidente fin dalle prime battute. Il gioco vanta infatti una grafica di straordinaria qualità, molto vicina a quella delle attuali console, specialmente se da iPhone X si entra nella schermata delle opzioni per aumentare al massimo il dettaglio e il frame rate, ottenendo così un'esperienza che non si smuove dai sessanta frame al secondo e il cui impatto visivo teme ben pochi confronti su iOS e Android. La trama a corredo è discretamente derivativa, vi basti sapere che in un'ambientazione dark fantasy il nostro compito sarà quello di difendere i confini di un regno dall'attacco delle forze del male.

Per compiere tale missione dovremo dapprima cimentarci con alcuni stage in stile tutorial, prendendo confidenza con gli ottimi controlli touch e il sistema di combattimento, immediato ma dotato di un minimo di spessore laddove consente, tramite la pressione di un tasto, di effettuare una capriola per schivare i colpi dei nemici. Si tratta però solo di una delle tante manovre disponibili, tutte replicabili unicamente dopo un periodo di cooldown dalla tempistica variabile, con l'unica eccezione dell'attacco principale. Completata la fase introduttiva, potremo darci davvero da fare, selezionando la classe che desideriamo per il nostro personaggio (guerriero, assassino, maga o berserker) e modificandone l'aspetto tramite un editor abbastanza completo, che non rinuncia neppure a un po' di fan service (sì, è possibile regolare la dimensione del seno degli avatar femminili).

Gameplay e struttura: l'armata delle tenebre

Le meccaniche di Darkness Rises appartengono alla tradizione degli action RPG mobile, sebbene l'approccio scelto dagli autori sia quello delle missioni brevi, da consumare in rapida successione secondo i termini di una struttura che, per forza di cose, punta sulla rigiocabilità dei singoli stage per poter allungare la campagna in single player ed evitare che la si completi nel giro di un paio d'ore. È per questo motivo che i nuovi capitoli narrativi si sbloccano solo dopo aver sviscerato completamente ogni scenario, tornandoci più volte per affrontare tipologie di nemici differenti e finanche boss.

È bene precisarlo: durante le prime partite l'esperienza si rivela abbastanza banale e inconsistente per via di un grado di sfida regolato verso il basso, dunque dovrete attendere di arrivare almeno al livello 10 perché le cose si facciano un attimino più interessanti, incappando magari nel primo game over contro un avversario più potente e resistente del solito. Il sospetto è tuttavia che si sia scelto di procedere in questo modo per fornire tanti contenuti rigorosamente gratuiti, inclusa una modalità cooperativa con diverse opzioni sbloccabili e un multiplayer competitivo anch'esso diviso in varie fasi. Rientra in tale ottica anche il ricchissimo contorno, fatto di oggetti sbloccabili e potenziabili, caratteristiche da migliorare, abilità da ottenere e consolidare, le immancabili casse premio e una lista di achievement pressoché infinita.

Darkness Rises pesca insomma da quella che è ormai la tradizione del genere, tirando fuori qualsiasi cosa consenta di catturare l'attenzione dei giocatori e farli tornare per un'altra partita ancora; e lo fa in maniera sensata, visto che eventuali paywall si manifestano solo dopo alcune ore di gioco, quando oramai l'utente ha le idee chiare su cosa desidera da questa esperienza. Una caratteristica che rende un po' ostico inquadrare perfettamente il bilanciamento del gameplay, visto che ci si ritrova spesso di fronte a situazioni troppo facili da risolvere, ma la sensazione è che sia stato fatto davvero un ottimo lavoro, con riferimenti che provengono un po' da ogni dove (La Terra di Mezzo L'Ombra della Guerra, per dirne uno) ma una qualità che si mantiene sempre alta, al netto dell'inevitabile ripetitività dell'azione.

Versione testata
iPhone (1.1.1)
Digital Delivery
App Store, Google Play
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

8.5

Lettori (8)

7.2

Il tuo voto

Darkness Rises si pone senza dubbio come un action RPG di riferimento per i dispositivi iOS e Android. Si tratta di un prodotto estremamente curato e bello da vedere, fluidissimo e dettagliato su iPhone X, dotato di numeri di tutto rispetto sul fronte dei personaggi, delle armi, delle abilità, dei potenziamenti e dei nemici, boss inclusi. La ricca campagna in single player, con tutto il suo contorno, viene peraltro coadiuvata da modalità cooperative e competitive che contribuiscono a rendere ancora più interessante l'esperienza. Il gioco pecca sicuramente di originalità e non si lascia inquadrare facilmente in termini di bilanciamento, ma di certo sa il fatto suo.

PRO

  • Immediato, spettacolare, convincente
  • Tanti contenuti, sia in single player che in multiplayer
  • Graficamente straordinario...

CONTRO

  • ...a parte qualche dettaglio
  • Inevitabilmente ripetitivo
  • Bilanciamento della difficoltà discutibile