Might & Magic Heroes: Era of Chaos, la recensione 8

Ubisoft si lancia nel mercato degli RPG mobile con Might & Magic Heroes: Era of Chaos, come vediamo in questa recensione

RECENSIONE di Giorgio Melani   —   06/12/2019

Anche Ubisoft ha deciso di lanciarsi negli RPG strategici mobile con elementi gacha, ma con un nome altisonante come questo è facile affrontare con una certa curiosità ed entusiasmo la recensione di Might & Magic Heroes: Era of Chaos. Solo che la speranza è piuttosto mal risposta, perché sebbene abbia spunti interessanti e il fascino della celebre serie fantasy alle spalle, questo gioco pare uscito dallo stampo più commercialmente standardizzato possibile per quanto riguarda i titoli di questo genere. C'è anche un'aggravante, a dire il vero: proprio mentre il panorama mobile sembra rendersi conto di essere andato un po' troppo oltre il grado di sopportazione per questa tipologia di gioco e soprattutto nell'uso indiscriminato di micro-transazioni, tra nuovi modelli di produzione derivanti anche dai servizi in abbonamento e un alleggerimento generale della monetizzazione nei titoli free-to-play, Ubisoft si presenta con un gioco che contiene invece tutte le storture più classiche di questa tipologia di prodotti. È un po' lo stesso discorso che abbiamo fatto per Battle Breakers di Epic Games e questo fa pensare che forse i grandi publisher abbiano bisogno di più tempo per capire precisamente le nuove tendenze del mercato mobile.


Messi subito in evidenza gli elementi più negativi, possiamo comunque dire che Might & Magic Heroes: Era of Chaos presenta comunque anche degli aspetti interessanti, a partire proprio dal riferimento alla lore fantasy della serie a cui si ispira. Intendiamoci, la cosa potrebbe generare delle aspettative fuori scala: nonostante la storia si colleghi a Heroes of Might & Magic III e la struttura ne condivida alcuni aspetti, Era of Chaos è un gioco fondamentalmente diverso. Può essere definito uno strategico in tempo reale, anche se la classificazione richiama meccaniche alquanto diverse da quelle messe in scena. Qui si tratta soprattutto di scegliere le unità da schierare in campo e disporle poi nella maniera migliore per affrontare gli eserciti nemici, con gli scontri che avvengono poi in automatico in base alle statistiche dei personaggi in battaglia.

Battaglie e menù

Come spesso accade in questo genere di giochi, la maggior parte del tempo investito in Might & Magic Heroes: Era of Chaos lo passiamo sui suoi numerosi e intricati menù. L'interfaccia non è particolarmente complicata ma il meccanismo è sempre piuttosto farraginoso: si tratta di navigare tra menù e sotto-menù incentrati soprattutto sulla gestione dei personaggi, sulla loro evoluzione e quella dell'equipaggiamento e simili, in una continua ricerca del potenziamento. Ci sono circa sei diversi negozi interni ognuno con la propria valuta in-game, tutti legati al loot che si ottiene avanzando tra le missioni ma anche necessariamente strutturati in maniera tale da costringere a un certo punto a ricorrere alle micro-transazioni, almeno per i giocatori che più facilmente si fanno risucchiare nel meccanismo perverso e non hanno la pazienza di aspettare più di tanto.


La modalità principale racconta la storia della Regina Catherine Ironfist e della sua lotta per la ricostruzione del Regno di Erathia, sostanzialmente proponendo una battaglia dietro l'altra inframmezzate da sequenze narrative piuttosto semplici. I combattimenti sono il nucleo dell'azione anche se l'interazione richiesta è limitata: dopo aver scelto le unità e averle disposte tutto ciò che possiamo fare è toccare le icone per scagliare gli incantesimi, scegliendo quali usare e dosandone le tempistiche stando attendi ai vari cooldown. Occasionalmente la situazione varia un po' presentando avversari particolarmente massicci e impegnativi, ma in linea di massima si tratta soprattutto di far evolvere i combattenti in modo da farsi trovare con un livello abbastanza elevato allo scontro quasi totalmente automatico con il nemico.


La gestione dei personaggi occupa l'altra metà del tempo, nella continua ricerca del potenziamento che si riflette, sostanzialmente, nell'aumento di statistiche che dà un po' il senso a tutta questa tipologia di giochi. La dinamica è quella nota: dopo un primo periodo di scontri facilmente vinti si comincia a ottenere vittorie con valutazioni sempre minori fino a ritrovarsi a perdere e doversi dedicare al grinding per tornare in sella, con il sistema che tende a spingere verso le micro-transazioni. Il meccanismo di combattimento strategico ha sicuramente elementi peculiari ma la ripetizione ossessiva di azioni e situazioni fa passare piuttosto velocemente l'interesse sul vivo della battaglia, facendola diventare una routine.


Una caratteristica particolarmente positiva di Might & Magic Heroes: Era of Chaos è la Guild Adventure, che propone un sistema di multiplayer con elementi cooperativi e competitivi che riescono a ravvivare l'azione rendendo le sfide più stimolanti e alzando la posta in gioco, dunque può avere senso affrontare pazientemente le fasi iniziali del gioco per raggiungere questa modalità, ma è facile snervarsi prima, anche perché in termini di narrazione e presentazione grafica il gioco non si distacca da un certo anonimato, considerando la quantità di titoli simili presenti sul mercato mobile.

Versione testata
Android, iPad 1.0.111
Digital Delivery
App Store, Google Play
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

5.5

Lettori (2)

8.5

Il tuo voto

Ci sono degli spunti interessanti in Might & Magic Heroes: Era of Chaos, a partire dalla sua impostazione strategica che rimanda a una versione semplificata degli scacchi per arrivare alla modalità Guild Adventure, ma questi vengono generalmente sovrastati dagli elementi critici. Al di là dei difetti cronici di questo tipo di giochi, il titolo Ubisoft sembra ricadere nel più classico cliché del cash grab, con una palese tendenza di tutto il meccanismo - fatto di progressione e barre di energia - a spingerci verso le micro-transazioni. Il fascino di Might & Magic si scorge nell'impostazione generale del mondo fantasy ma è ridotto a un palliativo per dare una caratterizzazione al canovaccio più standard e commerciale dell'RPG mobile, siamo dunque decisamente lontani dagli episodi classici della serie.

PRO

  • L'impostazione strategica è interessante sulle prime
  • La lore di Might & Magic ha ancora il suo fascino
  • La modalità Guild Adventure offre momenti interessanti

CONTRO

  • Battaglie ripetitive e grinding pronunciato
  • Il meccanismo tende nettamente alle micro-transazioni
  • Caratterizzazione piuttosto blanda tra grafica e narrazione