Gloria all'umanità  30

Al Tokyo Game Show, Square Enix ha svelato la data d'uscita di Nier: Automata con un nuovo trailer

ANTEPRIMA di Vincenzo Lettera   —  un anno fa

Dopo aver avuto un piccolo antipasto di Nier: Automata alla GamesCom di Colonia, speravamo che al Tokyo Game Show avremmo provato una nuova demo dell'atteso action RPG diretto da Yoko Taro e sviluppato con il contributo di Platinum Games. Sfortunatamente, di versioni giocabili in fiera non ce n'erano, ma in compenso Square Enix ha provato a placare la fame di informazioni degli appassionati dando loro in pasto una periodo d'uscita e due nuovi filmati. Il primo, molto striminzito, mostrato in occasione della conferenza stampa Sony; il secondo, nonostante sia lungo il doppio, non svela molto altro in termini di gameplay, focalizzandosi tuttavia sui nuovi personaggi che saranno presenti in Automata, e su qualche vecchia conoscenza che avrà fatto rizzare i capelli ai fan del primo Nier.

Tra volti nuovi e vecchie conoscenze, al TGS 2016 Nier: Automata si fa sempre più interessante

Chi si rivede

Nonostante Nier: Automata sarà ambientato migliaia di anni dopo gli avvenimenti dell'episodio precedente, sapevamo già che il team di sviluppo avrebbe costruito diversi ponti tra i due giochi, inserendo riferimenti e cammeo per deliziare gli appassionati e per creare un minimo di coerenza narrativa tra i due racconti.

Quando verso la fine del trailer appare il faccione di Emil, chi ha giocato il vecchio capitolo si sarà lasciato andare in una risata divertita. Non è ancora chiaro che ruolo svolgerà all'interno di Automata, ma il vecchio compagno di viaggio di Nier farà ritorno, sebbene gran parte della sua memoria sia andata persa nel corso degli anni. Considerando che Emil è stata un po' la mascotte di Nier, e che lo stesso Yoko Taro aveva accennato a un'apparizione del personaggio, averlo rivisto nel filmato non sorprende poi così tanto, mentre non si può dire lo stesso per Devola e Popola, i due androidi dai capelli rosa. Sarà però interessante scoprire come questi due personaggi verranno giustificati nella storia di Automata, considerando i fatti avvenuti nel Nier originale. Quel che è certo è che appaiono molto più carismatiche che in passato, e senza dubbio più simili ad androidi che non a persone in carne e ossa. Il trailer ha però permesso di dare uno sguardo a personaggi completamente nuovi. Adam ed Eve sono due gemelli dai capelli bianchi e dalla personalità opposta, uno è freddo e spietato, l'altro più avventato. A incuriosirci di più è stato Pascal, una macchina che a differenza dei suoi simili è un robot pacifista, che odia il conflitto e ha enorme interesse nella storia dell'umanità e delle macchine. Le immagini diffuse in occasione del TGS 2016 mostrano nuovamente il Campo della Resistenza, una sorta di hub centrale dove vivono gli androidi caduti sulla Terra prima dell'arrivo degli Yorha: in questo luogo sarà possibile acquistare oggetti, ottenere missioni secondarie oppure potenziare il proprio equipaggiamento. Soprattutto, negli screenshot è possibile intravedere per la prima volta il Bunker, il quartier generale orbitante degli YoRHa. Da qui il Comandante (altro misterioso personaggio intravisto nel trailer) invierà ordini, armi e materiali di supporto al giocatore. Di sicuro a questi si aggiungeranno altri personaggi, e nel trailer si notava una silhouette che potrebbe nascondere un altro riferimento ai fan del primo Nier. Finora però, Nier: Automata sembra già poter contare su un cast interessante, e che Yoko Taro potrebbe far brillare attraverso una storia fuori dalle righe. Oltre al trailer di cui sopra, Nier: Automata ha visto al Tokyo Game Show anche l'annuncio di una data d'uscita per il mercato giapponese, prevista attualmente al 23 febbraio. Ancora non abbiamo un periodo preciso per i mercati occidentali, ma sembra che Automata arriverà da noi a poca distanza dal debutto nipponico, nei primi mesi del prossimo anno.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

CERTEZZE

  • Interessante cast di vecchi e nuovi personaggi
  • La colonna sonora si prospetta già di altissimo livello

DUBBI

  • Toccherà verificare missioni secondarie e ritmo di gioco
  • La speranza è che l'open world, oltre a essere vasto, sia anche ricco di attività