Follow the RabbitIl deja-vu di Dragon Age 

Li avete visti i wallpaper di Dragon Age, vero?

Visto che siamo signori sorvoleremo su cosa sia accaduto a Neo quest'estate. Quello che possiamo intuire senza troppi approfondimenti è che deve essere accaduto qualcosa di violento e assolutamente privo di qualsivoglia risvolto sessuale.
La domanda del nostro eroe, però, è logica: gli RPG sono tutti uguali? Cosa distingue Dragon Age da Risen, da Gothic 3, da Oblivion e da compagnia bella? E' un po' vero che gli RPG (single, ma perché no, anche Massive Multiplayer) alla fine vanno a parare sempre dalle solite parti, quantomeno quando decidono che l'ambientazione deve essere fantasy? Ma in fondo non è proprio questo quello che cerca l'errepigiista, ovvero la reiterazione dei suoi miti e dei suoi topos un po' come, non me ne si voglia, accade anche nella letteratura che fa riferimento al medesimo genere?
Questi interrogativi, per quanto ardui, non possono che infestare le nostre piccole testoline, soprattutto se abbiamo intelligenza solo il valore di dieci e ci va male il tiro contro la fortuna

Venite alla tana, questa settimana abbiamo a cena la classe di Diablo III, sì, proprio quella che non hanno ancora presentato. Ve la diciamo in anteprima: è l'idraulico.

Il deja-vu di Dragon Age Clicca prima di passare di classe

TI POTREBBE INTERESSARE