ModNation RacersLa nazione del modding 

Il tanto discusso ModNation Racers è arrivato sul PlayStation Network sottoforma di beta giocabile per un numero limitato di persone. E noi l'abbiamo provata...

ModNation Racers è stato spesso definito come una sorta di "LittleBigPlanet su kart", visto che con il gioiellino di Media Molecule condivide l'idea di base: un ambiente completamente personalizzabile a cui ogni giocatore può contribuire creando i propri personaggi, vetture e piste per poi pubblicarle online e metterle a disposizione dell'intera comunità. La nazione del modding Il fascino di una struttura simile, specie accompagnata da un'interfaccia semplice e intuitiva, è indubbio. Vengono infatti a mancare i limiti che affliggono la stragrande maggioranza dei videogame, visto che qui si parla di personaggi, kart e circuiti virtualmente infiniti, collegati fra loro dal filo di una modalità multiplayer ampia e naturale, che non si limita alle sfide con dodici partecipanti ma si estende alla condivisione dei contenuti, alla chat vocale o testuale, alle classifiche di abilità e di gradimento. Sono idee che vi stuzzicano? Bene, allora non indugiamo oltre e vediamo nel dettaglio cosa ci offre questa beta esclusiva...

Il circolo dei piloti

Subito dopo il filmato introduttivo, la beta ci assegna personaggio e kart "di default" e ci butta nella mischia del ModSpot. Si tratta di una struttura del tutto simile a una fiera di settore con tende, schermi ed espositori, ed è da lì che possiamo accedere a tutte le funzionalità del gioco. Allo stesso modo, è nel ModSpot che abbiamo la possibilità di incontrare tutti gli altri giocatori online, parlare con loro utilizzando la chat vocale o testuale, guardare la loro scheda personale e la lista delle loro creazioni, nonché sfidarli in pista. La nazione del modding Tutto questo non avviene tramite un menu o un'interfaccia grafica, bensì pilotando semplicemente il nostro kart: lo muoviamo verso la destinazione desiderata e premiamo il pulsante Quadrato per accedervi. Per rendere le cose più semplici, ad ogni modo, gli sviluppatori hanno inserito la possibilità di accedere alle varie modalità anche premendo il pulsante Start e selezionando le voci da una lista. Nel ModSpot sono due i dispositivi a cui dobbiamo dare un'occhiata per sapere cosa sta succedendo nell'universo di ModNation Racers: il maxischermo e la vetrina. Da lì possiamo controllare chi c'è in pista, quali gare si stanno svolgendo e qual è il giocatore che si sta distinguendo per i punteggi ottenuti. Subito di fianco troviamo le Attrazioni in Arrivo, per ora offline: nella versione completa del gioco servirà per elencare tutte le novità in arrivo. In bella mostra possiamo trovare anche due podi, Top Kart e Top Mod, che di volta in volta celebrano le creazioni più votate dagli utenti.

L'arte della creazione

La Stazione Creazioni è il posto in cui dobbiamo recarci se vogliamo iniziare a smanettare con l'editor del gioco. Al suo interno possiamo tanto creare qualcosa da zero quanto modificare un modello già esistente, e questo per quanto concerne personaggi, kart e tracciati. L'editor più completo e dettagliato sembra essere quello per i personaggi, visto il numero di oggetti presenti e la possibilità di modificare praticamente tutto. Possiamo scegliere il colore della pelle o una texture per ricoprirla, la forma degli occhi, del naso e della bocca, l'acconciatura e l'eventuale barba, gli accessori, l'abbigliamento nonché tutta una serie di decorazioni in stile "tatuaggio" da applicare al corpo o ai vestiti. La nazione del modding Alla fine dei conti le possibilità si rivelano infinite: se non si può realizzare una forma o un disegno direttamente, li si può mettere insieme partendo da altri oggetti. Lo dimostrano le straordinarie creazioni che vediamo già online e che si possono scaricare: la community di ModNation Racers si è sbizzarrita, replicando in formato nel formato "deformed" tipico del gioco i più famosi supereroi (Spider-man, Iron Man, Hulk, Capitan America, Batman, Superman, ecc.), nonché molti personaggi dei videogame e dei manga (Naruto e i suoi compagni vanno per la maggiore). Per quanto riguarda la creazione del kart, purtroppo, le scelte risultano ampiamente ridotte: si parte da una serie di carrozzerie standard per poi personalizzare gli accessori (cerchi, volante, forma del motore), verniciando il tutto come più ci aggrada ed eventualmente applicando dei vinili. Alla fine vengono fuori determinate tipologie di veicolo, ma appunto non si arriva al grado di modellazione che caratterizza l'editor dei personaggi. Per quanto riguarda i tracciati, al momento è disponibile un solo tipo di scenario (montagna) e l'interfaccia si presenta leggermente più complessa rispetto agli altri due editor, ma anche in questo caso le potenzialità sono enormi. Si può in primo luogo determinare il tipo di terreno e l'eventuale presenza di acqua, quindi modellare colline e montagne più o meno alte, infine stendere il tracciato come desideriamo. Tutti gli elementi di contorno (e sono tanti) possono essere posizionati a mano o in automatico, rendendoci le cose molto più semplici pur rinunciando a ulteriori possibilità di personalizzazione. Una volta terminata la pista, è possibile provarla per vedere se è come la volevamo e magari decidere di modificarla in qualche punto prima del salvataggio definitivo. Una volta pronti, personaggi, kart e tracciati possono essere caricati sui server del gioco ed essere messi a disposizione di tutti gli utenti. Possiamo inserire una breve descrizione della nostra creazione, aggiungere dei tag per meglio catalogarla e determinarne la "modificabilità" da parte di chi la scarica. Allo stesso modo, possiamo scorrere il catalogo online relativo alle creazioni degli altri giocatori e scaricare ciò che ci piace di più fra personaggi, kart e piste.

Tutti in pista!

Abbiamo visto che ModNation Racers condivide con LittleBigPlanet due grandi anime: quella relativa alla creazione, alla modifica e alla condivisione dei contenuti da una parte; quella dell'applicazione pratica di tali contenuti dall'altra. Orbene, anche i fan più sfegatati del prodotto targato Media Molecule ammetteranno che le straordinarie potenzialità dell'editor di LBP venivano poi messe in pratica attraverso sezioni platform non sempre brillanti e caratterizzate da una gestione del salto e della profondità ampiamente discutibili. La nazione del modding Purtroppo anche l'interessante racer sviluppato da Sony ha le sue magagne da questo punto di vista, magagne fin troppo evidenti ma che per fortuna potranno essere risolte prima della pubblicazione (anche perché la data ufficiale d'uscita non è stata ancora annunciata). Per partecipare alle gare bisogna accedere alla Stazione Gare dal ModSpot e selezionare la modalità desiderata fra le quattro disponibili: Online, Gara Veloce, Schermo Condiviso e Carriera. Solo le prime due risultano giocabili in questa beta, ma bastano per farsi un'idea di come sarà il gioco completo. I riferimenti a Mario Kart sono palesi e di fatto ModNation Racers si presenta come un gioco di corse estremamente arcade, in cui le caratteristiche dello scenario giocano un ruolo fondamentale, insieme alle armi sparse al suo interno. La Gara Veloce è presente unicamente sottoforma di Time Attack, dunque ci si confronta con il proprio ghost in una serie di giri veloci alla ricerca delle traiettorie migliori per ognuna delle quattro piste disponibili inizialmente. La modalità Online ci vede invece confrontarci con altri undici giocatori in tracciati che possono anche essere quelli messi a disposizione dagli utenti (previo accordo fra le parti). Il matchmaking risulta abbastanza rapido e c'è la possibilità di chattare prima di scendere in pista, nonché di aggiungere i nostri avversari alla lista degli utenti preferiti. C'è però la nota negativa dei caricamenti, abbastanza lunghi e poco "ottimizzati": in tale frangente, spesso e volentieri le musiche e il parlato (in Italiano) finiscono per essere interrotti bruscamente o procedono a scatti.

Impressioni preliminari

La vocazione arcade di ModNation Racers si palesa fin dai primi istanti passati in pista: l'attenzione verso il fattore "grip" è pressoché nulla, si possono affrontare i tornanti a tutta velocità e gli unici elementi che fanno la differenza tra una prestazione pessima e una ottima sono fondamentalmente il taglio delle curve e l'uso del boost. Quest'ultimo viene regolato da una barra che si trova nella parte bassa dello schermo e che si riempie in seguito alle nostre manovre acrobatiche, che siano derapate, salti, acrobazie in volo e quant'altro. C'è poi la variabile costituita dalle armi, che come in tutti i giochi di questo genere vanno raccolte lungo la pista e possono essere scaricate addosso agli altri concorrenti. La nazione del modding Abbiamo visto missili di varia entità, raggi traenti, spinte supplementari, onde d'urto e via dicendo, dunque un equipaggiamento poco originale ma che vanta un sistema di stoccaggio diverso dal solito, che ci permette ad esempio di raccogliere più missili e di spararli poi tutti insieme contro il malcapitato di turno. Il sistema di controllo vede l'uso dei tasti dorsali L2 ed R2 per azionare il freno e l'acceleratore: una scelta discutibile, visto che la loro posizione alla lunga provoca in un fastidioso "effetto scivolo" che ci costringe a riposizionare continuamente le dita. Per il momento è disponibile una sola visuale, che purtroppo appare troppo bassa dietro il kart perché si possa controllare al meglio il tracciato. Speriamo che ne vengano aggiunte altre, cosa comunque probabile. Il comportamento dello stick analogico sinistro per il controllo del kart non è molto preciso, si nota la presenza di una "zona morta" che ci costringe a effettuare manovre brusche laddove invece si sente il bisogno di agire con gradualità. I tracciati inizialmente disponibili si distinguono per un design discreto, ricco di elementi in movimento e di salti spettacolari, anche se le dimensioni non sono straordinarie. Il comparto grafico risulta simpatico e gradevole per quanto concerne lo stile di disegno dei personaggi e dei kart, ma al momento soffre per un frame rate imbarazzante, che scatta in modo mostruoso e rende l'azione molto più caotica di quanto non sia in realtà. In conclusione, questa beta di ModNation Racers ci mostra da una parte delle grandi, grandissime potenzialità e dall'altra un loro impiego pratico ancora acerbo e viziato da inconvenienti di natura tecnica. Per fortuna a questi ultimi si potrà porre rimedio, il tempo per farlo c'è senz'altro e dubitiamo che Sony si lasci sfuggire l'occasione per fare centro a causa di qualche magagna di poco conto.

Certezze

  • Potenzialità enormi
  • Editor completi e intuitivi
  • Virtualmente infinito

Dubbi

  • Frame rate
  • Controlli migliorabili
  • Caricamenti

TI POTREBBE INTERESSARE