Gran Turismo 5 (GT 5)L'enciclopedia dell'auto si aggiorna 

Nuova fiera, nuove aggiunte e informazioni su Gran Turismo 5, perché non c'è mai limite alla provvidenza!

Basta Mr. Yamauchi, basta!
Questo ci viene da pensare quando parliamo di Gran Turismo 5, fortunatamente la data d'uscita non cambia, ma ad ogni nuova presentazione alla quale assistiamo l'eclettico capo di Polyphony ci inonda letteralmente con nuove caratteristiche e modalità per quanto riguarda la sua creatura, una moltitudine incredibile di cose da fare che lasciano estasiati da un lato, preoccupati dall'altro in quanto potrebbero essere molto dispersive e non amalgamate tra loro. 
Detto questo, anche il Tokyo Game Show 2010 è stato teatro per una serie di nuovi annunci che accenderanno sicuramente la fantasia di tutti i videogiocatori che attendono il titolo, che almeno sulla carta promette scintille. Data la notevole mole di cose di cui parlare, saremo piuttosto schematici nell'esposizione; perdonateci, ma in fondo quello che conta sapere è cosa ancora Gran Turismo 5 ha da offrire in termini di opzioni e personalizzazioni, alcune delle quali vanno ad incidere anche sul gameplay. Partiamo leggeri con la conferma di tre piste, due delle quali ritornano dai precedenti capitoli ma ovviamente sono state rifatte tecnicamente per la versione PlayStation 3, ovvero Laguna Seca e Trial Mountain. L'enciclopedia dell'auto si aggiorna Una terza è il Circuit de la Sarthe che ospita la 24 ore di Le Mans e che ci permette di rivoltare l'ordine della presentazione parlando delle condizioni metereologiche variabili e dinamiche che saranno presenti nel gioco. Tutte le gare di endurance infatti, ovvero quelle che si protraggono per un certo numero di giri o kilometri che superano perlomeno quelli classici (al momento non abbiamo dati precisi), permetteranno di accedere ad un cambiamento dinamico e completo delle condizioni atmosferiche, che non saranno predefinite, ma verranno gestite in base a delle previsioni indotte dalla pressione dell'aria, dall'umidità e dalla temperatura. Nel video esemplificativo che ci è stato mostrato e che a breve sarà disponibile online abbiamo potuto notare neve, pioggia, notte, giorno, tramonto, nebbia e quant'altro, per un risultato visivo spettacolare non solo dal punto di vista grafico e di varietà, ma anche perché le condizioni avverse del tempo richiederanno una guida più esperta, visto che andranno ad inciderne sulle condizioni della pista. Nota a margine, le tracce create dagli utenti potranno ugualmente godere del clima dinamico, ed essere quindi condivise con gli altri giocatori.

Macchine social in un remoto rally

Tornando a ritroso nella presentazione, c'è stato il tempo per presentare qualche nuova macchina classica ed esotica, come il trittico Volksvagen rappresentato dalla Kubelwagen, Schwimmvagen e Samba Bus. Per i super otaku di motori invece, Polyphony ha trovato il tempo di proporre assieme allo sponsor Red Bull il prototipo Project x1, un tipo di macchina, presumibilmente utilizzabile nel time trial, che permette di personalizzare completamente qualsiasi tipo di regolazione, in maniera estrema e senza restrizioni per poi sfrecciare in pista anche su un missile a quattro ruote che viaggia a 400 Km orari senza controllo. Ma Gran Turismo 5 è in procinto di arrivare all'interno di una generazione sempre connessa alla rete, a Facebook e agli altri social network, poteva il titolo di Polyphony non proporre qualcosa in tal senso?
Ovviamente no!
Diamo il benvenuto a My Home, una sorta di hub centrale e pagina del giocatore all'interno della quale poter gestire il proprio avatar e profilo, con i messaggi inviati e ricevuti, le piste condivise e proprie, gli album fotografici di macchine e tracciati, la possibilità di condividerli ed infine la propria lista amici anche esterna a quella della console, dove è possibile istantaneamente vedere tutte informazioni e progressi dei propri contatti. L'enciclopedia dell'auto si aggiorna Secondo il concetto denominato "Gran Turismo Anywhere" queste informazioni e possibilità saranno disponibili anche sul sito ufficiale gran-turismo.com, dal quale in ogni browser si avrà accesso al proprio account. Se vi piacciono i browser game o perlomeno il loro concetto, Mr. Yamauchi ha pensato anche a voi grazie ad una possibilità chiamata "Remote Races", che permette di accedere alla propria PS3 in remoto via browser e continuare a giocare alla modalità B-Spec -quella che per intenderci vi mette al comando di una scuderia dei piloti- e quindi anche senza console sottomano è possibile controllare l'andamento della gara, la telemetria e farlo anche in contemporanea con altri amici. Non vediamo l'ora di approfondire questa opzione per capirne il funzionamento esatto e le potenzialità, che sono chiare perché ai nostri occhi la B-Spec può diventare molto più interessante se gestita anche in remoto piuttosto che davanti alla console dove si vuole essere meno passivi e più interattivi. Tornando al gioco vero e proprio, Gran Turismo 5 prevede un'interfaccia davvero ricca di opzioni, ne abbiamo scovate tantissime insieme a quelle già presenti come personalizzazione e pezzi di ricambio, ma Mr. Yamauchi ha trovato spazio anche per inserire e quindi presentare la sezione Special Events, che mette a disposizione tipologie di gare particolari e raggiungibili solo a determinati livelli (supponiamo del giocatore, si fa fatica ad amalgamare tutto) come alcune denominate Nascar School, Sebastian Loeb rally challange e il Rally Mode. I primi due lasciano presagire un po' di tutorial interattivi o sfide all'interno dei tracciati, il Rally Mode è quello che suggerisce il nome, e permette di prendere parte a tracciati speciali generati automaticamente e con i checkpoint disposti come il rally classico, senza macchine in contemporanea ma con partenza temporizzata, dove vince il pilota col tempo complessivo più basso. L'enciclopedia dell'auto si aggiorna Per completezza (ci sembra giusto) ci sarà la voce del navigatore che indicherà la difficoltà delle curve successive mentre questo tipo di gare potrà essere affrontato anche online contro altri giocatori. A tal proposito Mr. Yamauchi si è messo alla guida di una macchina da rally per farci vedere un tracciato aperto con i checkpoint, e il risultato è nella forma praticamente identico ad una gara di rally classica. Dulcis in fundo, e ci prendiamo i meriti di aver fatto queste due domande poi riprese da diversi siti internazionali, abbiamo chiesto se con tutto questo ben di Dio il gioco avrà un frame rate ancorato sempre ai 60 frame al secondo, e quanto Polyphony abbia lavorato per migliorare il rumore dei motori delle macchine presenti all'interno del gioco, argomento molto sentito tra i fan. Nel primo caso la risposta è stata che il gioco sarà a 1080p e girerà a 60 frame al secondo per la stragrande maggioranza del tempo, ma in tutta onestà Mr. Yamauchi ha affermato che ci saranno situazioni limite all'interno delle quali non crede possa essere garantito, come ad esempio alla partenza di un circuito dove si hanno 15 macchine davanti e la condizione di pioggia. Riguardo invece il suono dei motori, e premettendo che c'è sempre spazio per migliorare, Mr. Yamauchi ha affermato che è stato fatto un lungo lavoro anche in questo frangente, e i risultati si vedranno nella versione finale. Che altro aggiungere ancora, Gran Turismo 5 si preannuncia come un'opera mastodontica, il non plus ultra per tutti gli amanti di motori che non ricercano la simulazione estrema ma che amano visceralmente questo argomento. Per scaramanzia non vi rimandiamo direttamente alla nostra recensione, con Mr. Yamauchi qualche nuova aggiunta è sempre dietro l'angolo.

Certezze

  • Completezza mastodontica
  • Tanto da fare online e offline

Dubbi

  • Che il tutto sia amalgamato a dovere per evitare dispersività e noia

TI POTREBBE INTERESSARE