Un mestiere duro  4

Abbiamo provato il gestionale calcistico per eccellenza che torna in campo con alcune novità molto interessanti.

Natale è ancora lontano ma per gli appassionati di calcio le feste arrivano sempre prima. Dopo le simulazioni calcistiche arriva infatti un altro appuntamento irrinunciabile per i calciofili e soprattutto per quelli che, anche se solo virtualmente, non vendono l'ora di spedire a casa lo strapagato allenatore di turno per prendere il suo posto e condurre finalmente la propria squadra verso la vittoria. Stiamo ovviamente parlando di Football Manager 2011, come subdolamente suggeriscono i titoli dell'articolo, e anche quest'anno possiamo contare su una succulenta dose di novità.

Un titolo sempre più complesso e articolato

Ovviamente tra le novità non mancano piccoli ritocchi all'interfaccia come scritte più grandi e menu più chiari che coinvolgono anche le fasi di creazione del gioco e di scelta della squadra. Ma il cambiamento più utile riguarda le informazioni che ci vengono fornite automaticamente dal gioco che sono sensibilmente aumentate e ci evitano la necessità di vagare per finestre zeppe di nomi e numeri. Football Manager 2011 è infatti un database immenso che può diventare ancora più vasto grazie alla possibilità di aggiungere giocatori e squadre.

Ogni scorciatoia, e le opzioni di customizzazione, sono fondamentali per chi ha intenzione di dedicarsi anima e corpo a questo titolo e non vuole andare incontro a tempi di gioco più lenti di quelli del calcio reale. Fortunatamente però, visto che l'interfaccia è fondamentale ma è anche la parte meno divertente, possiamo contare anche su novità molto più interessanti e ludiche come il Set Piece Creator. Si tratta di un tool visivo molto utile che permette di decidere come piazzare i giocatori durante calci di punizione, rimesse laterali e calci d'angolo. Ma non è l'unica chicca in grado di aumentare la profondità tattica del titolo. Infatti, anche se non c'è ancora la possibilità di provare fisicamente gli le azioni di gioco, è ora possibile preparare la squadra ad uno specifico match consentendo ai calciatori di amalgamarsi come collettivo e di prendere confidenza con gli schemi. Indubbiamente si tratta di uno strumento che aggiunge parecchio all'esperienza di gioco introducendo in Football Manager i problemi dovuti all'ingresso di nuovi giocatori e all'introduzione di nuove tattiche.

Il calcio a tutto tondo

Ma Football Manager non è fatto di sole tattiche ed il suo punto di forza è proprio questo. Opinione pubblica, sentimenti dei giocatori e morale sono tutti elementi rilevanti che in Football Manager 2011 hanno ancora più spazio. Si parte dagli agenti dei calciatori che cercano di venderci i loro campioni, soprattutto se alleniamo una squadra importante, e si arriva ad una stampa ancora più aggressiva e capace di influenzare l'opinione che avversari e ammiratori hanno di noi. Tra le introduzioni più importanti ci sono le discussioni dirette con i giocatori, la possibilità di personalizzare ulteriormente gli allenamenti e una formula tutta nuova per assumere nuovi calciatori. Si tratta dei contratti d'ingaggio che considerano le richieste di tutte le quattro parti coinvolte ovvero club originario, giocatore, agente e noi. E ognuna delle parti, giocaore incluso si spera, ha esigenze emotive ed economiche da considerare. Football Manager 11 mette in campo migliorie e novità e cerca di rendere ancora più complesso un titolo già titanico. E funziona. Redarguire i giocatori, contrattare con gli agenti e cercare di aumentare la fama del nostro club aggiungono profondità al titolo e ci coinvolgono in modo esponenzialmente maggiore. Gli unici dubbi riguardano le interviste con i giocatori, che sono sembrate un pò ripetitive, e il comparto tecnico. Infatti, nonostante le 100 nuove animazioni, le differenze estetiche con FM10 sembrano essere minime e con il passare del tempo l'esigenza di motori più moderni si avverte sempre di più. Inoltre l'aumento di spettacolarità avrebbe giovato in funzione delle novità "social" di FM11. Non c'è dubbio che la possibilità di inviare filmati in 1080p direttamente su youtube avrebbe avuto un significato ben diverso con un motore fisico rinnovato e più realistico. Nonostante ciò le partite restano sempre godibili grazie grazie all'implementazione perfetta delle telecamere, un'audio ambientale coinvolgente e un dettaglio grafico valido, almeno per quanto riguarda l'ambito dei gestionali calcistici.

CERTEZZE

  • Un altro passo avanti per i gestionali calcistici
  • Gestione delle tattiche e dei giocatori ancora più profonda
  • Il sistema di contrattazione aggiunge parecchio all'esperienza

DUBBI

  • Troppi dati da gestire
  • Motore grafico migliorabile