Ace Combat 4  0

Ace Combat 4 non avrà la completezza dei più accurati simulatori di volo disponibili per PC ma in quanto a spettacolarità della grafica e a divertimento non ha rivali.

Cosa ci aspetta con Ace Combat 4

I progressi visti nei 3 precedenti capitoli apparsi su PSX fanno decisamente ben sperare per quest’ultimo episodio che, dalle cifre ottenute dopo la sua uscita in Giappone, si appresta a diventare un acquisto obbligato anche in Europa non solo per chi è appassionato del genere, ma anche da parte di chi ha voglia di capire quali sono le reali capacità dell’ Emotion Engine, il quale col passare del tempo sembra essere sfruttato sempre meglio. Ace Combat 4 è infatti uno di quei titoli che si possono definire di “seconda generazione” per la PS2, console potentissima ma che ha inizialmente creato non pochi problemi ai programmatori. Così come il terzo capitolo, anche Ace Combat 4 avrà quindi un sorta di trama, che renderà più avvincenti i furiosi combattimenti tra gli aerei. Proprio questi ultimi sono ovviamente il punto forte del gioco. Realizzati con una cura maniacale, dettagliatissimi fino alle piccole e numerose antenne che portano sulla fusoliera, i caccia che vi troverete a pilotare, quasi tutti da sbloccare durante il gioco, sono quanto di meglio possono offrire le aviazioni mondiali, prima tra tutti ovviamente quella Americana. F-14 Tomcat, F-15 Eagle, F-18 Hornet, F-117 Stealth Fighter ed F-22 Raptor sono solo alcuni dei velivoli a vostra disposizione che potrete ammirare, realizzati con effetti grafici mai visti prima, come luci, ombre e riflessi decisamente realistici. Il tutto in splendide ambientazioni che portano il livello grafico di Ace Combat 4 allo stato dell’arte. Da sottolineare i replay delle azioni di gioco che vi daranno l’impressione di assistere a scene tratte da un film. L’impatto visivo è da infarto! Durante il volo, ammirare i paesaggi perfetti che scorrono dietro di noi è un’ esperienza incredibile, con montagne, mare e fiumi visibili da distanza enormi. Assolutamente da non dimenticare il ritorno della modalità a 2 giocatori in split-screen che darà più profondità al gioco permettendoci di sfidare un amico in duelli corpo a corpo all’ultimo missile!

La semplicità del controllo

Il sistema di controllo non ha subito particolari cambiamenti, rimanendo quindi molto semplice. Con lo stick analogico il giocatore potrà controllare il velivolo, mentre i tasti R ed L restano assegnati al controllo della velocità e i rimanenti tasti per la gestione delle armi. Da notare la nuova funzionalità dei tasti analogici che a seconda della pressione esercitata daranno la relativa risposta nel controllo del mezzo.

La Trama

Come già detto prima, in Ace Combat 4 ci sarà una trama a far da sfondo al gioco. In un mondo in cui regna la pace tra le varie nazioni, un giorno cade un enorme meteorite che rompe tutti gli equilibri causando distruzioni e vittime. A questo punto un conflitto diventa inevitabile; nei panni di un giovane pilota in cerca di vendetta per la morte dei genitori, avvenuta durante il primo giorno di conflitto, ci troveremo a combattere i nemici ed in particolare il responsabile della morte dei familiari.

Verdetto...

In definitiva, come già detto all’inizio, gli aspetti fondamentali di Ace Combat 4 sono la brillante combinazione arcade-simulazione, in particolare nel sistema di controllo, e la grafica che senza dubbio è la parte maggiormente curata dai programmatori, così come si può vedere dalle numerose immagini e filmati rilasciati a dir poco fotorealistici. Non ci resta quindi che aspettare con pazienza l’uscita della versione PAL prevista per Gennaio 2002, mentre per quanto riguarda l’acquisto non credo ci siano dubbi, dato il successo ottenuto in Giappone. Ace Combat 4 non può e non deve mancare nella vostra collezione di giochi PS2!

Come nasce un mito

Ace Combat si è guadagnato la fama di miglior simulatore di volo per console dal giorno del suo esordio sulla mitica PlayStation. Ovviamente, parlando di console, il termine “simulatore” non è proprio il più adatto, data la facilità che comporta l’utilizzo di un joypad rispetto alla più completa strumentazione che può offrire il PC, che da anni accoglie continuamente nuovi titoli del genere, la maggior parte dei quali, veri e propri simulatori che necessitano ore ed ore di allenamento per essere governati appieno. Namco, dal suo canto, è famosa per la sua passione al puro gioco arcade, e la serie di Ace Combat non è altro che una perfetta fusione tra simulazione ed arcade, che grazie ad un gameplay immediato e ad un sistema di controllo semplice e preciso, ci ha permesso di pilotare senza troppi problemi i migliori caccia esistenti. A dire il vero il terzo episodio, Ace Combat 3: Electrosphere, nella versione nipponica, si è decisamente distaccato dai precedenti 2 capitoli, dando per la prima volta una trama vera e propria al gioco, arricchito di filmati, colpi di scena, dialoghi tra i personaggi e velivoli più futuristici, pur se ispirati ai reali caccia moderni. Tutto questo fu però tagliato nella versione europea per motivi di localizzazione.