Diario del CapitanoDiario del capitano 

Diario del capitano

Sono arrivato ieri sera in tarda ora a Firenze, in quel del Teatro Tenda per poter vedere con i miei occhi l'imponenza di 300+ pc messi in rete con altrettanti giocatori. Non è il primo lan party a cui assisto, ma è senza dubbio il più grande.
Avete presente l'avvio di internet in Italia? Poche persone, pionieri (chi può dimenticare Video On Line?) hanno aperto la strada agli altri.
Il Lan Party è l'esempio concreto e non virtuale, che esiste una vasta neo-comunità di videogiocatori in Italia, che non solo frequenta i vari server online, ma che è disposta a muoversi perchè ha cominciato a vivere i videogiochi non più come un semplice intrattenimento di pochi minuti ma come un vero e proprio sport (e tutto ciò che ne deriva: trasferte, allenamenti, sponsorizzazioni).
Questo ricco preambolo per dichiarare la mia convinzione che il ghiaccio è stato rotto e che assisteremo sempre più spesso a iniziative simili.
L'Italian Party (di cui qui potete leggere news e reportage) sta finendo (poche ore ancora), ma la sua eco la sentiremo ancora per molto tempo.