Duke Nukem ForeverDuke Nukem Forever & Ever 

La storia infinita del gioco più rimandato della storia.

Subaffitto di diario ovvero breve introduzione di Andrea Pucci

Questo diario, scritto, diretto e interpretato da Paolo Matrascia non era nato per essere un diario. Era nato per essere una notizia veloce, un po' beffarda, sul destino altrettanto beffardo di uno dei giochi più attesi dell'ultimo decennio, Duke Nukem Forever. Forse più atteso dello stesso Doom 3 e di Half-Life 2, proprio per la sua aura di mistero e scetticismo.
Ricordo ancora il suo annuncio, a metà degli anni '90, poco dopo l'uscita di Duke Nukem 3D. Da allora è stato un susseguirsi di affermazioni e smentite, interventi in Forum ufficiali e sconosciuti. L'importante in questa storia è il fatto che dopo quasi dieci anni, il gioco non è ancora uscito.
Matrascia, mente agile e sveglia, segue da anni la vicenda e ogni tanto mi aggiorna con qualche messaggino, così, per fare due risate. Oggi però ho deciso che era ora di raccogliere alcune delle perle raccolte in questi anni in una notizia. Il risultato è stato talmente simpatico che una notizia sarebbe stata troppo veloce per rendere giustizia. E così ho delegato il diario di questo sabato proprio a Paolo e al Duca.
Buona lettura.

Duke Nukem Forever & Ever di Paolo Matrascia

Sette anni eppure non li dimostra, soprattutto perché nessuno lo ha ancora visto. Adesso che anche Doom 3 è ufficialmente in fase di Gold, Duke Nukem Forever rimane l'ultimo vero grande esponente vaporware della scena dei videogiochi (vaporware accosta "vapor" cioè vapore e "ware" da software. In italiano potrebbe essere tradotto "aria fritta" oppure "tanto fumo e poco arrosto" o anche "tanto rumore per nulla", insomma qualcosa che, in pratica, non esiste. N.d.Pucci).
Dimenticati i 7 anni di sviluppo (e ritardi) di Stonekeep - il primo vero grande ritardo videoludico che la breve storia dei videogiochi ricordi, archiviati gli eccessi di Romero con il suo Daikatana ed oramai sotterrato il promettente Prey, 3DRealms sembra ancora credere nel Godot del divertimento interattivo, il Del Piero delle acrobazie digitali.
Take 2 non è da meno. Per quanto riguarda Duke Nukem Forever, alla conferenza di chiusura anno 2003, il famosissimo "when it's done" è stato sostituito con un periodo più preciso, quello tra la fine del 2004 e l'inizio del 2005.

Oggi George Broussard, famoso Capo Progetto della Storia infinita videoludica conosciuta anche con nome di Duke Nukem Forever, commenta l'uscita di Doom 3 con un laconico "Personally I can't wait for Doom 3. Bring it on. - Personalmente non posso più aspettare Doom 3. Datemelo.".
Non parla più della sua creatura, del resto solo poche settimane fa annunciò che, per il bene della comunità, non avrebbe più rilasciato informazioni sul gioco in sviluppo, almeno fino a quando non sarebbe stato finito o quasi. Aspettiamolo allora quando dirà la sua su Half Life 2 e magari - perché no - su Unreal 3.
Noi, non abbiamo fretta. Per fortuna l'industry va avanti...

E ora una carrellata di IPSE DIXIT

"Siamo fiduciosi del fatto che DNF sarà uno dei migliori - se non il migliore - tra i giochi che usciranno nel 1998. E siamo sicuri che questa fiducia non è mal riposta." - Scott Miller, 1997 "Duke Nukem Forever è un titolo che vedrà la luce nel 1999 e pensiamo di essere quantomai in orario con la scaletta che abbiamo pianificato" - George Broussard, 1998 "Fidatevi di noi, Duke Nukem Forever spaccherà tutto quando uscirà quest'anno." - Joe Siegler, 1999 "Quando sarà pronto nel 2001." - Cartolina natalizia, 2000 "DNF sarà in commercio prima di Unreal 2." - George Broussard, 2001 "Se DNF non è ancora uscito nel corso del 2001, allora vuol dire che c'è qualcosa di sbagliato." - George Broussard, 2001 "DNF uscirà sugli scaffali prima di Doom 3." - George Broussard, 2002

TI POTREBBE INTERESSARE