Spore HeroIn una galassia lontana lontana... 

Comete, evoluzione e tanta avventura. Spore arriva su Wii con un interessante mix di generi!

Durante il recente showcase europeo di Eletronic Arts sono stati mostrati i più recenti spinoff dell'ultima fatica di Will Wright. In una galassia lontana lontana... Come per Galactic Adventures il nuovo episodio di Spore tenta la via dell'avventura con una forte componente action per espandere le basi evoluzionistiche dell'originale uscito l'anno passato. Spore Hero non ci mette semplicemente nei panni di una creatura col generico obiettivo di evolvere e conquistare lo spazio, ma dandosi una storia vera e propria aggiunge una inedita componente narrativa al tutto, condita con uno pizzico di meccaniche ruolistiche. Una commistione di generi che tenta di svecchiare il gameplay del prototipo senza stravolgerlo, per renderlo il più appetitibile possibile ai giocatori dell'ammiraglia Nintendo.

Un mondo da plasmare

Un gioco inedito a tutti gli effetti, concepito da zero, in cui le peculiari meccaniche di Spore si innestano nei canoni tipici del genere affrontato: l'esperienza di gioco sembra essere più "compatta", meno diluita negli stilemi da blando rts care al prototipo. Le premesse che danno il la sono semplici, catastrofiche quanto efficaci: su un pianeta si schiantano due comete, una blu e una rossa. Dalla prima nascerà il protagonista, dalla seconda invece il nostro antagonista. Il pianeta è il campo di battaglia ma anche una sorta di enorme sandbox da plasmare a seconda delle nostre azioni e delle missioni portate a termine, la nostra creature si evolve e con essa anche il pianeta. Subito dopo lo schianto della cometa si inizia a costruire il proprio essere. Com'è giusto che sia l'editor è praticamente uguale a quello visto pc, l'unica differenza è che non si lavora sulla colonna vertebrale come base di partenza. Senza mouse e tastiera le modifiche sono affidate alla combo remote/nunchuck. Immediato e intuitivo, è sembrato molto facile aggiungere e modificare le parti della creatura. Il peculiare sistema di controllo della console Nintendo si adatta quindi in modo perfetto alla manipolazione della creatura, alla stessa maniera anche il controllo stesso dell'essere realizzato non è più automatico, ma si mulinano in aria le braccia a simulare i movimenti del proprio alter ego, sia si stia attaccando qualcuno piuttosto che danzando per accattivarsi le simpatie di una tribù appena scoperta. L'idea che sorregge questo titolo in esclusiva Wii è che ogni parte del corpo modifichi in tempo reale il modo in cui si "pilota" il protagonista, un modo questo per dare un nuovo livello di varietà in più al gioco, e non ultimo per azzerare quella freddezza connaturata all'uso del mouse, facendo quindi la felicità dell'utenza più casual dei possessori Wii. In una galassia lontana lontana... I combattimenti, eseguibili in una schermata a parte, sono esemplari di questa nuova feature: dando un calcio o un pugno ad una creatura si entra in una sorta di picchiaduro uno contro uno in cui le mosse effettuabili variano a seconda delle parti del corpo possedute. Costruito il nostro eroe è ora di iniziare ad esplorare il mondo, facendo tutte le cose viste in Spore, ma ora le nostre azioni sono finalizzate alla lotta contro il Male rappresentato dalla cometa rossa. Le missioni sono quindi due tipi, quelle relative ai propri bisogni e quelle in cui ci si relaziona con gli abitanti del pianeta. Entrambe hanno come premio punti evoluzione da spendere nell'editor (che consta di 250 parti), che non hanno solo un impatto estetico, ma nello specifico caso del protagonista, oltre all'aumento dei valori di attacco e difesa, possono anche dotarlo di alcune abilità particolari per raggiungere zone impossibili da visitare precedentemente. Da un punto di vista prettamente grafico la giovinezza della build non ha tradito particolari incertezze o problematiche, ma anzi colpisce per il peculiare stile scelto, che a partire dai mondi alieni di Spore tratteggia un pianeta fantastico, pieno di strane creature e ricoperto da una flora varia e lussureggiante, con un level design in alcuni casi particolarmente ispirato nel ricreare luoghi e scorci decisamente accattivanti e ben fatti. Spore al cento per cento insomma ma con un piglio decisamente fumettoso e cartoonesco, che centra alla perfezione lo spirito del gioco. Spore in questa incarnazione su Wii diventa quindi un action adventure a tutto tondo con una evidente deriva sandbox o free roming che dir si voglia. C'è sempre da seguire la storia principale, ma si è più liberi da una gestione minuziosa della propria evoluzione come visto su pc, è possibile immergersi maggiormente nelle mille storie del pianeta, decidendo quale missioni affrontare in base alle proprie priorità e necessita evoluzionistiche. E'impossibile dire con esattezza se il bilanciamento del gioco funzioni, se tutte le meccaniche messe in gioco concorrano a formare un mondo coerente e un'avventura entusiasmante, ma per quello che si è potuto osservare sembra che ci siano buone possibilità per un titolo che dietro una facciata colorata, quasi da fiaba in salsa lisergica, nasconda un impianto solido, curato e molto divertente.

Certezze

  • Azione, avventura, free roaming e un pizzico di rpg
  • Graficamente ben fatto
  • Buon uso della combo Remote/Nunchuck

Dubbi

  • Equilibrio nel gameplay delle varie tipologie di gioco

TI POTREBBE INTERESSARE