Resident Evil 0  0

Gli zombie ritornano su GameCube e questa volta con un'avventura tutta nuova. Mentre in Europa si aspetta ancora l'uscita di Resident Evil: Rebirth, in Giappone l'arrivo di Resident Evil 0 è già imminente. Vediamo insieme cosa ci aspetta nel nuovo capolavoro firmato Shinji Mikami.

Si comincia su un treno nei panni della giovane Rebecca Chambers, ufficiale della Special Tactics and Rescue Squad (S.T.A.R.S.), in cerca di notizie sulla sorte del Bravo Team. Purtroppo per Rebecca non si tratta di un viaggio di piacere e di lì a poco, come è prevedibile, la povera 18enne si troverà circondata da spaventosi zombie affamati di carne umana. Il primo aspetto che noteranno gli espertissimi della serie e che rappresenta la prima grande novità di Resident Evil Zero, è un cambiamento nel gameplay apparentemente poco importante ma che invece si rivelerà molto utile e soprattutto realistico: in RE0 sarà infatti possibile lasciare oggetti in qualunque punto di ogni stanza, senza dover per forza portarseli dietro per depositarli unicamente nei soliti contenitori o dover per forza rinunciare a raccogliere qualcosa per la mancanza di spazio. Adesso infatti saremo noi a decidere in qualsiasi momento cosa portarci dietro e cosa lasciare lungo il percorso.

L’altra importante novità di Residen Evil Zero è la possibilità di vestire i panni di un altro personaggio presente sul treno, un prigioniero condannato di nome Billy Cohen. Ma la vera novità non sta tanto nel doppio personaggio, ma nel fatto che potremo cambiarlo in tempo reale ed in qualsiasi momento attraverso il 'Partner Zapping System', una funzione assegnata ad un singolo tasto del controller che ci permette di controllare ora Rebecca e ora Billy in qualunque momento intendiamo farlo. Ovviamente i due personaggi sono molto diversi ed entrambi hanno punti deboli e punti forti. L’aspetto più convincete di questo cambiamento nella serie di Resident Evil sta nel fatto che in molte occasioni i due dovranno collaborare tra loro per risolvere determinate situazioni ed ovviamente saremo chiamati ad un doppio lavoro mentale che, una volta completato, ci darà una maggiore soddisfazione. Sarà comunque bene lasciare il personaggio inutilizzato in un posto sicuro, visto le sue capacità di difesa molto limitate quando gestite dal computer. Ma di contro, nelle situazioni in cui i Rebecca e Billy si troveranno nella stessa stanza, ci potrà capitare di essere aiutati dal nostro compagno che senza nessun timore cercherà di liberarci dalle situazioni più critiche. Da segnalare poi i progressi per ciò che riguarda l'IA degli zombie, che in questo inedito capitolo, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, risultano più intelligenti di quelli visti nei “precedenti” episodi essendo infatti capaci di aprire le porte con l'intento di seguirci!

Graficamente parlando il gioco, che abbiamo avuto modo di provare nella brevissima demo presentata durante le scorso E3 di Maggio, si attesta grosso modo sugli splendidi livelli di Resident Evil, comprese le animazioni che non sembrano essere state molto modificate. Ma nel complesso, il gioco risulta il migliore della serie come impatto visivo. Negli ultimi giorni, altri piccoli particolari sono stati svelati: uno su tutti, la presenza di un uomo dai capelli lunghi e che porta una pietra blu appesa al collo. Per adesso il suo nome e le sue intenzioni sono ancora sconosciute, mentre invece sembra certa la presenza di un nuovo nemico chiamato "Hill", il quale sembrerebbe avere come arma principale una grandissima velocità.

Come vedete le novità non mancheranno in Resident Evil Zero e tutte sembrano tanto interessanti da poter dare nuova linfa a questa serie, spesso accusata di essere poco innovativa. Mentre i fan della serie avranno poco di cui lamentarsi. L’uscita in Giappone è ormai imminente, per il mercato europeo invece dovremo attendere il 2003. Nell’attesa, il prossimo 13 Settembre ci aspetta sugli scaffali italiani il remake del primo Resident Evil.

Capcom ricomincia da Zero!

La serie che ha fatto la fortuna dei survival horror, scatenando una serie pressoché infinita di “cloni” più o meno validi, è approdata da qualche tempo in esclusiva tra le braccia del GameCube, dopo che i due colossi (Capcom-Nintendo) si erano già strizzati l’occhio ai tempi del Nintendo 64 con l’idea di proporre l’episodio Zero sulla sfortunata macchina a 64 bit. Un percorso probabilmente impraticabile all’epoca che invece finalmente si concretizza in questi giorni, vista l’imminente uscita della versione giapponese di questo ineditissimo Resident Evil 0. Nonostante qui da noi si aspetti ancora il remake del primo Resident Evil, l’attesa per questo “numero 0” è ovviamente ancora più alta, trattandosi appunto di un capitolo mai apparso fino ad ora e che si presenta con l’intento di svelarci cosa successe nelle 24 ore precedenti i fatti di Resident Evil 1, ovvero cosa accadde al Bravo Team.