Stranglehold - Hands on  0

Finalmente l'inventore del bullet time ha un gioco tutto suo!

From Hong Kong to Chicago

Il livello mostrato in occasione dell'evento Midway rivelava poco a proposito della trama, che continua ad essere un parziale mistero.
Sappiamo con certezza che il gioco divide la sua ambientazione tra Hong Kong, dove un poliziotto viene ucciso, e Chicago, dove due donne vengono rapite in circostanze misteriose. L'ispettore Tequila dovrà occuparsi di entrambi i casi, ma non è stata ancora svelata la connessione tra i due eventi.
Il nuovo livello mostrava comunque uno scenario completamente inedito, quello del Field Museum di Chicago, dove il nostro eroe si ritrova a dover combattere tra dinosauri e reperti preistorici.

In questo livello in particolare è stato possibile notare l'efficacia del motore fisico proprietario Massive D, completamente incentrato sulla distruggibilità degli elementi dello scenario.
Le colonne del museo vengono scalfite dagli spari delle armi da fuoco e perdono la loro decorazione, le ossa dei dinosauri cadono sui personaggi e qualsiasi superficie può essere usata come un trampolino o uno scivolo per tuffarsi contro i nemici o trovare riparo dai loro proiettili.
Stranglehold usa inoltre una versione pesantemente modificata dell'Unreal Engine, a cui sono stati aggiunti elementi del motore Havoc. Un insieme di strumenti tecnici di successo, insomma, che dovrebbe garantire al giocatore la totale libertà d'azione di un film di John Woo.

Tequila Bomb!

Il livello giocabile presentato all'evento si è rivelato particolarmente interessante perchè ha svelato per la prima volta alcune abilità speciali finora segrete, le cosiddette Tequila Bomb, attivabili una volta raggiunto un sufficiente numero di punti stile.
Si tratta di tre diverse modalità di attacco che sfruttano il bullet time reso celebre prima dai film di John Woo e poi da titoli come Max Payne.
Precision Aim permette di sparare un singolo proiettile che viene seguito dalla telecamera fino al momento in cui raggiunge l'obiettivo, dando vita a un'animazione differente a seconda della parte colpita.
Ogni parte del corpo costituisce un possibile bersaglio, con ben 40 esiti diversi che vanno dal soffocamento se colpiti alla gola alla morte istantanea se il proiettile raggiunge gli organi vitali.

Tequila Bomb!

La seconda abilità, Barrage, permette di fare fuoco in direzioni multiple in modo da colpire quattro avversari invece che uno, mentre Spin Attack è il più coreografico dei poteri annunciati: il tempo rallenta e Tequila comincia a roteare su se stesso sparando tutto intorno, mentre lo schermo assume una sfumatura rossastra e le colombe si levano in volo.
Al di là del fattore estetico, è un ottimo modo per sbarazzarsi velocemente di bersagli multipli e, come tutte le altre abilità del gioco, è azionabile con la semplice pressione di un pulsante.

Multipiattaforma, multiversione

Le tre versioni del gioco dovrebbero essere leggermente diverse l'una dall'altra.
Sappiamo, per esempio, che ci saranno gli inevitabili achievement points per la versione Xbox 360, il supporto all'alta definizione per PS3 e la possibilità di scegliere liberamente se utilizzare il controller 360 o la classica combinazione di mouse e tastiera su PC.
Quanto ad altri particolari, Midway si è guardata bene dal rivelare troppo ma, considerata l'uscita di Stranglehold in estate, le novità non dovrebbero tardare ad arrivare.
Per il momento ciò che abbiamo visto e provato si è rivelato positivo sotto tutto i punti di vista e sapere che il gioco è attualmente al 50% dello sviluppo non può che aumentare le nostre aspettative.

Hard boiled, John Woo e le colombe bianche

Se è vero che alcuni giochi degli ultimi anni si avvicinano sempre di più a colossali produzioni cinematografiche, Stranglehold conferma questa teoria in modo definitivo grazie al suo legame diretto con John Woo, uno dei registi asiatici contemporanei più apprezzati dal pubblico.
Seguito ideale di Hard Boiled, forse il film d'azione più noto di questo regista, Stranglehold riporta sullo schermo le avventure dell'ispettore Tequila in quello che potremmo definire un vero e proprio film interattivo, più che un semplice videogioco.
L'attore Chow Yun-Fat, che interpretava il ruolo dell'ispettore in Hard Boiled, ha prestato il suo volto e la sua voce all'omonimo protagonista del gioco, ricreato dagli sviluppatori fin nel più piccolo dettaglio. Altre star di Hollywood prenderanno parte alla produzione nello stesso modo, ma ovviamente il contributo maggiore arriva proprio dal regista John Woo, che sta curando personalmente la sceneggiatura, i filmati d'intermezzo e le inquadrature dei combattimenti più importanti.


Al Midway Gamers' Day 2007 sono bastati pochi minuti di filmato per accendere l'entusiasmo del pubblico e il livello giocabile presente all'evento ha confermato Stranglehold come una delle più brillanti promesse di Midway per quest'anno.
Certo non è un'impresa facile lavorare gomito a gomito con un regista così esigente. Alex Offerman, producer del gioco, ha confermato la comunicazione costante con John Woo, che si riserva il diritto di eliminare le scene eccessivamente violente, cambiare le inquadrature a suo piacimento e in generale bloccare i lavori ogni volta che la direzione del gioco prende una piega troppo diversa dallo stile dei suoi film.
"Stile" è appunto la parola chiave per questo gioco, che prevede particolari che solo gli appassionati dei film di Woo possono apprezzare in pieno.
Non è un caso che in alcuni dei momenti d'azione più concitati il bullet time si attivi automaticamente e le colombe bianche volino intorno al protagonista, un particolare elegante che potrebbe lasciare perplessi i giocatori poco pratici della filmografia di John Woo, impegnati a domandarsi se l'ispettore Tequila abbia tirato fuori le colombe da un cilindro magico.