Super Paper MarioSuper Paper Mario - Anteprima 

Per anni avete cercato di farlo saltare sollevando il pad... tra poco, finalmente, tutto questo sarà realtà: Super Paper Mario è alle porte, scoprite con noi cosa ci aspetta!

Super Paper Mario - Anteprima Super Paper Mario - Anteprima Super Paper Mario - Anteprima

Role-Playing Platform

Senza prendere in considerazione Mario & Luigi, che sebbene abbia dei legami concettuali con gli altri giochi è stato sviluppato in modo diverso con un engine diverso, si potrebbe dire senza esitazione che Paper Mario è un RPG con alcuni elementi presi dal genere Platform: l’interazione col mondo è buona, si può saltare, i combattimenti non si limitano a premere un tasto da un menù e ci sono varie sezioni che richiedono una certa abilità manuale. Il concept finora ha funzionato a meraviglia, dando vita sempre a giochi molto ispirati sotto ogni punto di vista; nonostante questo però i dubbi sulla qualità di Super Paper Mario sono tanti. Innanzitutto bisogna sottolineare come questo non sia il terzo episodio della serie ufficiale, ma uno spin-off maggiormente incentrato sulle fasi platform: è una sorta di Mario 2d vecchio stampo, però con lo stile inconfondibile di questa saga e degli elementi tratti dal mondo dei J-Rpg. La prima perplessità è causata dall’engine del gioco, che è stato riciclato da Paper Mario 2, dove era perfetto per il compito che doveva svolgere: in quel titolo c’erano sì dei salti, ma erano piccoli e soprattutto generalmente di una misura standard, cosa che certamente non infastidiva visto che il cuore del gioco risiedeva altrove. In Super Paper Mario però sembra che i balzi continuino a non essere graduabili, che tuttora non ci sia la corsa, che in generale i controlli e l’interazione col mondo non siano stati approfonditi: tutto questo potrebbe portare a dei problemi piuttosto gravi visto che questa volta il gioco non sarà un Rpg con degli elementi Platform, ma un Platform con delle caratteristiche da Rpg. L’altro dubbio invece sta nell’effettivo utilizzo del Wiimote, dato che, esattamente come Twilight Princess, Super Paper Mario era inizialmente previsto per GameCube: le complicazioni non riguarderanno certo la complessità del sistema di controllo, poiché tutto sarà affidato al telecomando (posto in orizzontale in modo simile al pad del NES), quanto l’utilità dello stesso. A parte la variazione di qualche input, ora delegato a un movimento del Wiimote piuttosto che alla pressione di un tasto, le funzionalità del gioiello Nintendo non paiono sfruttate appieno come ci si aspetterebbe da un titolo del genere: l’unica caratteristica interessante, finora, è una sorta di torcia scova-segreti che attiverete ogni volta che punterete il telecomando direttamente contro lo schermo, spostandolo dalla sua posizione orizzontale di base. Questi scetticismi sono grandi, ma è altrettanto grande la fiducia che si dovrebbe avere nei confronti di questo team, che negli ultimi anni ha creato molti dei successi Nintendo (Fire Emblem, Advance Wars e Wario Ware, oltre alla serie di cui stiamo parlando), dimostrando in più di un’occasione il suo valore.

Super Paper Mario - Anteprima Super Paper Mario - Anteprima Super Paper Mario - Anteprima

It's a-me, Mario!

In che modo si potrebbero arginare questi limiti? Sicuramente la via migliore sarebbe quella di non farli notare, cosa sicuramente difficile, ma tuttavia possibile grazie ad un accurato lavoro di game design. Esaminando Super Mario Sunshine si nota subito come questo gioco abbia delle fondamenta non solo migliori, ma di gran lunga migliori di quelle di qualunque altro esponente del genere platform: nonostante questo però è stato pesantemente criticato per alcune infelici scelte di design. Quello che ci si può aspettare da Super Paper Mario è l’esatto contrario, ovvero un titolo capace di mascherare alcuni problemi di base grazie ad un alto tasso d’innovazione e una valida strutturazione dei livelli. Il concept del gioco è veramente originale, e risiede nell’alternanza tra fasi a due e tre dimensioni: sebbene sia un platform 2d potrete, ogni volta che vorrete (anche se non per un periodo di tempo illimitato), ruotare l’inquadratura in modo che ciò che prima si trovava alla vostra destra vada in profondità, e ciò che era alla vostra sinistra invece si sposti dietro di voi. Ci saranno dei momenti durante i quali sarà conveniente proseguire lateralmente, ed altri invece in cui sarà utile esplorare le parti dei livelli precluse da una visuale schiacciata: la quantità di enigmi che può originare una formula del genere è veramente enorme, e vista le qualità di Intelligent System difficilmente tali potenzialità non verranno sfruttate. Le altre caratteristiche interessanti del gioco stanno nella possibilità di intercambiare il personaggio (a scelta tra Mario, Peach e Bowser, ognuno ovviamente dotato di diverse abilità), negli aiutanti tipici della saga che vi porterete dietro (in questo gioco sono stati ribattezzati Pixls), nell’ormai famoso stile grafico e naturalmente negli elementi rpg: tra armi, punti esperienza, livelli, HP e oggetti vari, potremmo trovarci di fronte ad un Wonder Boy in salsa Nintendo… e scusate se è poco.

Super Paper Mario - Anteprima Super Paper Mario - Anteprima Super Paper Mario - Anteprima

Intelligent System, nata da una branca dello storico team R&D di Yokoi, nel 2000 diede alla luce Paper Mario. Il gioco uscì durante gli ultimi mesi di vita del Nintendo 64, ma nonostante questo ottenne un ottimo successo sia di critica che di pubblico, tanto che a Kyoto decisero di farne sviluppare due seguiti: uno ufficiale, affidato sempre ai ragazzi di Intelligent System, e uno ufficioso, creato da Alpha Dream, che sarebbe poi diventato l’acclamato Mario & Luigi Superstar Saga.

TI POTREBBE INTERESSARE