[TGS 2008] Star Ocean: The Last Hope - Provato  290

Da Tri Ace arriva il quarto capitolo di una saga fantascientifica molto amata. Questa volta su Xbox 360.

Questo sistema risulta essere semplice e immediato, ma al contempo vario una volta fatta la dovuta pratica, giusto in tempo poi per affrontare il primo boss presente nella demo, una sorta di drago ovviamente più ostico, contro il quale per avere la meglio abbiamo dovuto utilizzare tutte le magie e le combo a nostra disposizione. La demo è proseguita con una nuova ambientazione innevata, dopo la quale siamo giunti in un villaggio dove all'interno si potevano trovare scrigni, parlare con gli abitanti del posto (rigorosamente in stretto Giapponese, ovviamente) e visitare la taverna per ripristinare l'energia oppure i negozi per acquistare armi e oggetti, secondo il più classico schema degli J-Rrpg. Non sono mancate infine le sequenze di intermezzo, fatte col motore del gioco. Dal punto di vista tecnico lo stile riprende quello a metà tra il manga e uno più serioso, con colori vivi e un dettaglio minuzioso per ogni aspetto disegnato a schermo. Il frame rate appare già a questo punto stabile e gli effetti, soprattutto durante i combattimenti, ci sono parsi adeguati. Di contro l'interazione con l'ambiente è praticamente nulla e ci sono pochi elementi che rendono lo scenario "vivo" o tale da restituire un impatto al pari delle migliori produzioni da questo punto di vista, ma quello che c'è è sicuramente ben caratterizzato. Star Ocean: The Last Hope sembra seguire abbastanza da vicino la struttura dei precedenti capitoli, con un sistema di combattimento che riprende le basi e propone qualche differenza (da approfondire), e uno stile grafico che fa del lato artistico il suo punto forte piuttosto che nella potenza pura o gli ultimi ritrovati in fatto di tecnologia. Avremo sicuramente modo di provare ulteriormente il gioco prima della sua uscita, ma i fan di questo particolare genere possono essere già rincuorati dal fatto che lo sviluppo del titolo Tri-Ace stia proseguendo nella maniera più consona possibile.