I primi dettagli di The Elder Scrolls Online parlano di World of Warcraft  74

Sarà l'ennesimo clone del gioco Blizzard?

Come era lecito attendersi dopo il roboante e inatteso annuncio di ieri, The Elder Scrolls Online non ha lasciato indifferente la comunità dei videogiocatori ed è partita la caccia alle prime informazioni. Qualcuno è riuscito ad ottenere alcune indiscrezioni sull'articolo che sarà pubblicato sul prossimo numero di Game Informer e che segnerà la rivelazione definitiva del gioco.

Purtroppo si tratta di info che spengono un pochino l'entusiasmo di quelli che speravano in un MMO alla Bethesda, perché parlano sì di Tamriel come ambientazione, di fazioni e di imperatore eleggibile dai giocatori, ma anche dell'adozione pedissequa di un sistema di gioco mutuato non dalla serie Elder Scrolls, ma da World of Warcraft, come dichiarato candidamente dagli sviluppatori.

Quindi ci saranno skill da raffreddare prima dell'uso, aree sbloccabili solo arrivando al livello adatto, controlli e interfaccia simili a quelli del titolo Blizzard, con la classica hot-bar e così via. Insomma, dimentichiamoci dei combattimenti in tempo reale.

Alcune aree saranno sviluppate ma rese completamente inaccessibili, per usarle successivamente come espansioni, mentre i giocatori non potranno comprare casa perché si tratta di una feature troppo complicata da implementare in un MMO.

Fonte: Kotaku