Xenonauts è realtà  4

Il successore spirituale di XCOM ha superato la soglia minima di finanziamento attraverso Kickstarter

Xenonauts è un remake di UFO: Enemy Unknown che si propone come vero sequel spirituale del celebre strategico a turni e vuole farlo senza i compromessi di XCOM, sequel diretto in sviluppo presso Firaxis.

Il titolo ha raggiunto i 50.000 dollari necessari per lo sviluppo in soli 3 giorni e ha ancora 28 giorni a disposizione per incrementare i fondi disponibili. Gli sviluppatori hanno rivelato le varie soglie necessarie per introdurre nuovi elementi.

$75,000 - Assunzione di un level designer dedicato.
$100,000 - Missioni al chiuso in palazzi o bunker sotterranei.
$140,000 - Città in stile sovietico da affiancare a quelle USA.
$180,000 - Basi militari attaccate dagli alieni.
$205,000 - Più varietà per gli alleati sul campo che oltre ai soldati includeranno, a seconda del contesto, poliziotti, contadini armati, soldati arabi e via dicendo.
$230,000 - Motion Detector - Il celebre sensore di movimento con tutte le implicazioni del caso.
$255,000 - Memorial Screen - Una schermata con i dati di tutti i soldati morti con tanto di luogo e tempo della morte e statistiche del militare.
$280,000 - Esperienza anche per i veicoli che vedranno aumentare le proprie statistiche fino a un massimo del 15% (esclusi salute e armatura).
$305,000 - Ritratti e nomi di battaglia per i piloti andranno ad arricchire l'identità dei velivoli.
$330,000 - Granate di prossimità attivabili come fuoco secondario delle granate normali.
$355,000 - Erba alta con la grafica attuale e tutte le meccaniche del primo XCOM.
$380,000 - Psionici umani e Blaster Bomb - Rimossi per questione di bilanciamento saranno reintrodotte con una modifica, sviluppata direttamente dal team, attivabile dal giocatore.