Gamescom 2012 - DmC Devil May Cry, Capcom torna a parlare del nuovo Dante  33

Il fervore di alcuni fan è un bene, secondo il producer Alex Jones

Intervistato da VG247 durante la Gamescom di Colonia, il producer Alex Jones ha parlato di come le polemiche circa il nuovo Dante, protagonista del reboot DmC Devil May Cry, si siano un po' placate con il passare del tempo. "C'erano sempre persone che vedevano il nuovo Dante e lo rifiutavano, e ciò è del tutto normale. Comprendiamo perfettamente che la gente si appassioni a un personaggio, il che non è affatto una brutta cosa", ha detto Jones.

"L'abbiamo sempre detto: quando vedrete il gioco e lo proverete, vi renderete conto che stavamo facendo la cosa giusta. Ebbene, finalmente sta succedendo, il che da un certo punto di vista rappresenta per noi una rivalsa. Non il tipo di rivalsa in cui ti metti a ridere di fronte ai tuoi ex oppositori, sia chiaro, ma piuttosto la soddisfazione di aver potuto dimostrare che stavamo dicendo il vero."

Jones ha anche speso qualche parola sul nuovo stile del gioco. "Uno dei motivi per cui abbiamo deciso di affidare lo sviluppo a un team occidentale è che volevamo un'atmosfera meno caciarona, più tenebrosa. Ciò non significa che non ci sia senso dell'umorismo, solo che le cose sono state rese più aderenti al nuovo mondo in cui Dante si trova. Il personaggio, tuttavia, ha mantenuto la propria irriverenza: alla fine dei conti è sempre quello che prende a calci i mostri mentre pronuncia una battuta a effetto."

Fonte: VG247