Sony è sorpresa dalla mancanza di supporto degli sviluppatori per Vita  85

E' un mercato espanso e più difficile

Shuhei Yoshida, il presidente di Sony Worldwide Studios, ha affermato che la compagnia è stata colta piuttosto di sorpresa dalla scarsità di supporto degli sviluppatori nei confronti di PlayStation Vita, per quanto riguarda i third party.

La questione, secondo Yoshida, è legata dall'emergere di un gran numero di piattaforma diverse, in particolare per quanto riguarda il mercato mobile, cosa che ovviamente ha avuto il suo impatto sugli sviluppatori, che si sono trovati a scegliere tra tante possibilità, nel concentrare energie limitate.

Qualche anno fa, quando il mercato dei portatili e quello mobile non erano ancora così espansi, sarebbe stato diverso e la PlayStation portatile avrebbe contato su un supporto più entusiastico da parte degli sviluppatori fin dal lancio. "Ci sono risorse limitate a disposizione dei publisher di terze parti e si trovano a dover diversificare la loro offerta su diverse aree in maniera costante, dunque diventa una sfida il fatto di ottenere il supporto per le nostre piattaforme", ha spiegato Yoshida, cosa che un tempo invece risultava decisamente più semplice a Sony, dalla sua posizione predominante. La soluzione migliore, secondo il capo dei Worldwide Studios, è concentrarsi su quei prodotti e quelle soluzioni di gioco che maggiormente si confanno alle possibilità di Vita e che possano sfruttarne meglio l'hardware.

Fonte: CVG