"I'm not a gamer", è polemica sulla nuova campagna pubblicitaria Nintendo  177

La casa di Kyoto sembra quasi demonizzare il termine "videogiocatore"

Come giustamente sosteneva la buonanima di Antonio Fucito, l'attuale accezione di "videogiocatore" poco ha a che fare con la figura del nerd a cui veniva associata fino a qualche anno fa e proietta piuttosto l'immagine di una persona "cool", che ama la tecnologia e si diverte con essa senza farsi problemi a mostrarlo.

Pare però che Nintendo non la pensi allo stesso modo, visto che nella nuova campagna pubblicitaria del 3DS fa un uso quasi dispregiativo del termine "gamer" (videogiocatore). "Non sono una videogiocatrice", dichiara Gabrielle Douglas, sedicenne ginnasta olimpica nello spot qui in calce. "Con il mio 3DS, sono una campionessa nel collezionare gettoni." L'azienda nipponica cerca dunque di vendere l'immagine di una persona vincente contrapponendola a quella, evidentemente, di un perdente, che sarebbe appunto il "gamer".

Fonte: Kotaku