Homefront: The RevolutionHomefront: The Revolution avrà microtransazioni ma DLC gratuiti 

Non sarà "pay to win"

Una situazione strana quella di Homefront: The Revolution, in base a quanto riferito recentemente dagli sviluppatori: a quanto pare il nuovo sparatutto ad ambientazione distopica avrà le micro-transazioni, ma i suoi DLC saranno gratuiti.

In pratica, non sembra sia destinato ad avere un Season Pass, com'è ormai tradizione per tutti i titoli tripla A, ma avrà questo sistema di microtransazioni offrendo però "almeno un anno" di contenuti aggiuntivi gratuiti. Questo è quanto riferito dal designer Fasahat Salim a Gamespot, con le microtransazioni che prenderanno la forma di casse di rifornimenti tipo bottini, che tuttavia non offriranno nulla che non può essere comunque raggiunto anche solo giocando.

"Non è assolutamente un sistema pay-to-win perché tutto quello che forniamo con queste casse della resistenza è comunque anche disponibile gratuitamente attraverso il gioco standard", ha spiegato Salim, che spiega la politica ormai classica: "tutto quello che offriamo è solo la possibilità di sbloccare più facilmente dei contenuti per coloro che non possono investirci molto tempo". In compenso, i DLC gratuiti conterranno delle nuove missioni, ma si tratterà di una sorta di supporto esteso e prolungato nel post-lancio con rilasci di nuovi contenuti non appena saranno pronti, piuttosto che di uscite di pacchetti in stile DLC standard. Homefront: The Revolution è atteso per il 17 maggio su PC, PlayStation 4 e Xbox One.