Pete Hines di Bethesda ha accennato ai possibili seguiti di The Evil Within e RAGE  68

Di The Evil Within 2 si era vociferato già in passato

Di un possibile seguito di The Evil Within si parla da diversi mesi, al punto che alcune voci di corridoio lo volevano presente alla conferenza di Bethesda dell'E3 2016. Minori le speranze per un seguito di RAGE, lo sparatutto in prima persona di id Software che ha segnato l'addio di Carmack allo studio che aveva fondato.

Le risposte date in merito da Pete Hines di Bethesda in un'intervista con Finder aprono diversi scenari. Leggiamole:

Finder: The Evil Within ha venduto abbastanza da pensare a un seguito?
Pete Hines: (senza esitazioni) Sì!
Finder: E RAGE?
Pete Hines: Potrebbe.


Sono due sole parole (una per gioco) che lasciano però intendere come il titolo horror potrebbe ricevere presto un secondo capitolo, mentre lo sparatutto è più complicato da gestire e probabilmente ancora oggetto di valutazioni da parte del publisher.

Rimane sempre il fatto che Hines è famoso per dichiarazioni entusiaste sui titoli in sviluppo che sono state spesso fraintese, come lui stesso ha ammesso. Comunque ha voluto chiarire meglio la questione The Evil Within 2 e RAGE 2 in un intervento successivo:

"Penso che sia The Evil Within che RAGE abbiano venduto abbastanza da permetterci di realizzare dei sequel. Personalmente RAGE mi è piaciuto e mi sono diverto molto a giocarci, ma per ora abbiamo molti progetti in lavorazione e quindi dovete aspettare."

Da notare che l'invito ad aspettare è stato fatto in riferimento soprattutto a RAGE. Chissà che l'anno prossimo non si torni nel mondo malato di Mikami?