Per un seguito di Playerunknown's Battlegrounds ci vorranno più di cinque anni, il primo sarà sempre più un gioco servizio  29

Playerunknown's Battlegrounds è un grande successo e lo sviluppatore Bluhole vuole capitalizzarlo

Come saprete, Playerunknown's Battleground sta ottenendo un immenso successo su PC, e sono ottime le possibilità che faccia bene anche su Xbox One e Xbox One X. In un'intervista a IGN, Brendan Greene, il capo di Bluehole, lo studio di sviluppo, ha chiarito quali sono i piani per il futuro del gioco e del brand.

Intanto ha dichiarato che Playerunknown's Battlegrounds sarà supportato ancora per molti anni. Parlando di un possibile sequel, ha replicato che non succederà per almeno altri cinque anni, periodo in cui PUBG sarà espanso con mappe e nuove funzioni del gameplay e potenziato come gioco servizio (aspettiamoci più microtransazioni, quindi). Continueranno anche i processi di rifinitura e di ottimizzazione di quanto già fatto.

Greene ha anche confermato che la versione Xbox One avrà un'edizione fisica, che affiancherà quella digitale.