Richard Garriott ritorna ai videogiochi, più o meno  0

O almeno allo sviluppo

Un uomo capace di passare tranquillamente dallo sviluppo videoludico alle avventure nello spazio (vero), è chiaramente una persona imprevedibile, pertanto la sua affermazione sulla volontà di abbandonare il mondo dei videogiochi era da prendere con le pinze.

Così, Lord British in persona, ovvero Richard Garriott, si sta gradualmente riavvicinando al mondo dello sviluppo videoludico, con la costituzione di un nuovo team, chiamato Portalarium. Questo pare essere specializzato nella creazione di engine che facciano da base per lo sviluppo di giochi utilizzabili via browser, o integrati a social network come Facebook.

Pare essere una tendenza comune a svariati sviluppatori di vecchia data quella di avvicinarsi in questi anni al mondo delle interazioni sociali miste alle caratteristiche degli MMO, come già dimostrato da Sid Meier e la sua versione "light" di Civilization. Garriott sembra voler rimanere più sul piano tecnico al momento: riconoscendo la relativa primitività degli attuali browser game e giochi integrati in Facebook, l'obiettivo di Portalarium è quello di portare questi titoli verso nuovi orizzonti, con strumenti di sviluppo idonei.