Yoichi Wada non sa come si svilupperà il futuro di Final Fantasy  76

Che strada prendere?

Il capo di Square Enix in persona, Yoichi Wada, sostiene di non sapere "dove andrà" la serie Final Fantasy dopo il recente tredicesimo capitolo, e se non lo sa lui ci potrebbe essere da preoccuparsi.

In un'intervista pubblicata da Gamasutra, Wada sostiene come sia difficile ora determinare precisamente il futuro della celebre serie di RPG nipponici, se sia venuto il momento di concentrarsi su "una nuova tipologia di gioco" o meno. Si tratta di un dubbio che il presidente di Square Enix aveva già portato in evidenza in passato, lasciando intendere a tratti che Final Fantasy XIII potesse rappresentare l'ultimo capitolo della serie sviluppato su tale impianto videoludico.

"Penso che con questo prodotto in generale si sia riusciti a soddisfare le aspettative di coloro che già conoscono Final Fantasy", ma potrebbe essere giunto il momento di trasformare la serie in qualcosa di diverso, "gli utenti hanno opinioni differenti al riguardo, è molto difficile determinare la strada da intraprendere". Secondo Wada, inoltre, non tutti gli appassionati sono rimasti pienamente soddisfatti da Final Fantasy XIII: il boss di Squenix esprime soddisfazione per essere riusciti a lanciare il gioco nei tre mercati in una finestra temporale ristretta e di aver raggiunto i 5 milioni di unità vendute, ma "quando si guarda la reazione degli utenti alla qualità del gioco", dice, "alcuni l'hanno valutato molto positivamente, altri non sono rimasti invece molto soddisfatti".