Multiplayer.itNuovo articolo del Movimento contro la disinformazione sui videogiochi 

Cerchiamo di capire cosa fare per cambiare le cose

Pubblicato un nuovo articolo del Movimento contro la disinformazione sui videogiochi, nato sulla scia del penoso servizio del TG1 (link).

Lo trovate cliccando qui: Link

Un estratto:

"Quindi, cos'è un videogioco? Un prodotto dell'industria dell'intrattenimento, sicuramente, ma anche una materia che può assumere forme diverse, tali da poter essere accostata alle altre arti.

La lunga premessa serve per comprendere l'assurdità della reazione della stampa italiana ai fatti di Oslo. Nella gran parte del mondo occidentale, Norvegia compresa, i videogiochi vanno assumendo un valore differente, sia per la loro potenza economica (come negarla?), sia per la diffusione culturale che hanno raggiunto.

Certo, non mancano studi scientifici che tentano di additarli come causa scatenante di tutta una serie di sindromi di cui soffrono i bambini e gli adolescenti, non per ultima la violenza, ma ce ne sono altrettanti che hanno spesso confutato tesi nate da preconcetti e dimostrate con forzature spesso inaccettabili per la scienza stessa.

Il dibattito è sicuramente aperto, com'è giusto che sia, ma a quasi nessuno nel mondo è venuto in mente di indicare i due videogiochi apparentemente amati da Breivik (stando alla sua pagina Facebook), World of Warcraft e Call of Duty: Modern Warfare 2 per inciso, come i moventi principali della sua follia. In Italia non è andata così.
"

TI POTREBBE INTERESSARE