Dead IslandDead Island e contenuti sessisti nascosti: Techland si scusa 

Ci mancava anche questa

Non si fermano i problemi per Dead Island in versione PC, a quanto pare: dopo essere stato lanciato su Steam in una versione incompleta e probabilmente destinata al circuito debug, essere stato patchato in maniera massiva e rilanciato, arriva ora il problema del sessismo nascosto tra i file del gioco.

A dire il vero, bisogna essere piuttosto smanettoni per vederlo, ma alcuni utenti di Steam hanno trovato la definizione "FeministWhorePurna" all'interno del file Data0.pak\Data\default_player_setup.scr, come nome originale dell'abilità "Gender Wars" applicabile al personaggio di Purna, poi eliminato ma evidentemente rimasto sepolto all'interno del codice del gioco. Techland si è espressa ufficialmente sulla questione, scusandosi e definendosi ugualmente turbata dall'accaduto.

A meno che non si voglia fare del reverse engineering è ben difficile accorgersi della presenza di tale nome, ma certo la definizione "Feminist Whore" è certamente volgare e offensiva, come ha ammesso prontamente la stessa Techland: "ovviamente viola gli standard etici e professionali di Techland e non sarebbe mai dovuto accadere", ha spiegato Blazej Krakowiak, international brand manager, a Eurogamer.net, "stiamo investigando su questa cosa e rilasceremo in seguito un comunicato ufficiale". E poi: "per il momento, posso solo esprimere le mie più sincere scuse per questo incidente", sostenendo che chiunque nello studio (a parte l'autore dello scherzetto) sia turbato da un tale inconveniente.

Fonte: Eurogamer.net