Divorzio Nintendo-Rare, sembra definitivo

I colleghi di autorevoli redazioni estere annunciano di giocarsi la loro reputazione se non fosse vero: i rumori circolanti da mesi circa un abbandono tra Nintendo e la seconda parte Rare, che sarebbe stata acquisita da Microsoft, sono verosimilissimi e sembrano ormai praticamente ufficiali. Secondo la storia completa Nintendo, che possedeva il 49% della compagnia, avrebbe potuto diventare azionista di maggioranza due anni fa ma, valutati gli introiti da parte di Rare come il solo 9,5% del totale, avrebbe deciso di rescindere il contratto, tagliando di netto la divisione di corrispondenza e ritirando le proprie licenze. La Rare sarebbe poi stata acquisita dalla Microsoft, che l'avrebbe facilmente strappata all'Activision. Il tutto viene confermato da "autorevoli corrispondenti dall'interno dell'industria", che specificano anche che il motivo per il quale sull'evento è calata una tale cortina di fumo è che Nintendo e Rare starebbero ancora risolvendo questioni inerenti i personaggi dei giochi, tutti protetti da esclusiva Nintendo. La notizia definitiva dovrebbe arrivare dalla Spagna, in occasione dello X02 Europe Event di Microsoft, il 24 Settembre.

TI POTREBBE INTERESSARE