XBox ora per grandi e piccini

Pare che attraverso un sistema di codici all'interno dei menu dell'XBox si possa immettere una sorta di "Parental Control", in grado di censurare ed impedire la visione ai più piccoli di scene ritenute "diseducative e non adatte ai minori" contenute nei videogiochi di nuova generazione. E' quanto dichiarato dalla direzione vendite della multinazionale che fa capo a Bill Gates, che ha sentito il dovere di inserire il "parental lock" per tranquillizzare l'opinione pubblica a proposito dei contenuti trattati nei videogiochi che gireranno sulla console Microsoft. Si parla di sangue che cambia colore (come successe in Carmageddon e ancor prima con la serie Mortal Kombat), scene tagliate e testi riveduti, per evitare le espressioni "colorite". Attraverso questo stratagemma, quindi, Microsoft è riuscita ancora una volta a mettere d'accordo tutti, grandi e piccini.