8.8

Redazione

8.5

Lettori (7)


  • 9
  • 0
  • 9
  • 3
  • Data di uscita: 13 luglio 2012
  • Piattaforme: pc
  • Tipologia di gioco: Action, Platform

La-MulanaIntrappolati e felici 13

La-Mulana torna su PC con una grafica rinnovata e qualche finezza in più, ma sempre fedele al sacro principio della vecchia scuola: la sfida prima di tutto

La-Mulana è un videogioco sviluppato da Nigoro e uscito nel 2005 su PC. Un fantastico remake fu rilasciato nel 2011 per Wii, ma rimase confinato al mercato giapponese. Europei e americani non ebbero mai una versione tutta per loro e perciò si chiusero nelle loro camerette a giocare a Super Meat Boy, covando invidia per i giocatori nipponici. Ma ecco che un anno dopo una grandiosa notizia rinfranca gli animi di noi tutti: Nigoro ha stretto un accordo con Playism, una piattaforma giapponese di digital delivery tramite la quale rilascerà una versione per PC del remake di La-Mulana, questa volta anche in lingua inglese. Intrappolati e felici Esultiamo dunque, noi giocatori masochisti della vecchia guardia, perché potremo rimanere svegli la notte esplorando labirinti che perfide civiltà hanno disseminato di trappole. Nei panni di un avventuriero identico a Indiana Jones - ha perfino la frusta - ci lanceremo quindi alla ricerca di nostro padre, un archeologo scomparso nelle rovine di La-Mulana. Ma non saremo soli. Oltre ai vari personaggi che incontreremo nel corso dell'esplorazione potremo contare sul saggio del villaggio. Questo anziano fissato con i videogiochi ci dona infatti un laptop da portare sempre con noi. Tra le sue tante funzioni c'è quella di ricevere le mail del vecchio, che contengono utili consigli accompagnati da farneticazioni senili. Ovviamente potete ignorare i blandi suggerimenti del nonno e fare tutto da soli. D'altronde le vacanze sono vicine: con tutto quel tempo libero, chissà, potreste davvero finire La-Mulana.

Il ritorno del giocatore pensante

La-Mulana è un platform 2D a scorrimento laterale che offre un mondo aperto da esplorare. Si può girare liberamente per le rovine e raggiungere anche sezioni molto avanzate, anzi è indispensabile farlo, perché tutto è collegato. A volte infatti capita di acquistare oggetti come i calzari alati che si rivelano utili solo più tardi o leggere un indizio che suggerisce l'abilità necessaria per proseguire; abilità nascosta chissà dove. E allora via con le ricerche. Preparatevi a tornare spesso sui vostri passi, risolvendo enigmi lungo la strada che aprono nuove aree da esplorare. Per fortuna ci sono alcuni oggetti indispensabili che impediscono di sfasciare la tastiera prima del tempo. Tra armi, gadget e ROM per il laptop ci sono decine di oggetti, ma alcuni tra questi devono essere trovati il prima possibile. La cartuccia di salvataggio, il Sacro Graal, il rilevatore di porte nascoste, il lettore di mappe e infine il decifratore di scritture antiche devono essere trovati subito nelle prime ore di gioco, quelle necessarie per imparare da soli i fondamentali. Intrappolati e felici Fatto questo, siamo pronti ad arrivare ovunque con la nostra testa. Le stanze sono infatti piene di nemici infidi ma presto avremo energia sufficiente da sconfiggerli senza troppe acrobazie e nessuno di loro ha pattern di attacco molto complessi. La vera sfida consiste nel risolvere gli enigmi nascosti in ogni stanza. Per fortuna quando facciamo qualcosa di sensato un suono ci avvisa, ma non è detto che il risultato dei nostri sforzi sia subito evidente. Magari si è aperto uno scrigno qualche stanza più in alto, o è comparsa una piattaforma dalla bocca di una statua che abbiamo lasciato indietro. Ogni macro area ha comunque una mappa nascosta da scoprire, inoltre tutte le stanze sono battezzate con un nome che spesso nasconde un suggerimento. In giro ci sono anche steli incise e scheletri di altri avventurieri con un messaggio da interpretare. Avrete capito che c'è molto da girare e tantissime stanze da esplorare, zeppe di trappole e puzzle complicati. Questo ci porta a un punto cruciale: prima o poi dovrete rassegnarvi a prendere appunti e disegnarvi da soli le mappe, perché quelle presenti nel gioco non bastano. Se amate i videogiochi tradizionali, questo aspetto vi farà venire i lucciconi dalla gioia. Altrimenti penserete di essere finiti in un incubo di pixel e che il diavolo sia sulle vostre tracce per farvi scontare qualche tremendo peccato. Intrappolati e felici

La-Mulana e Windows 7

Sul sito di Playism leggiamo che La-Mulana non è compatibile con Windows 7. Noi comunque siamo riusciti a lanciare il gioco avviandolo in modalità compatibile con Windows XP service pack 3. Per farlo cliccate con il tasto destro sul file di installazione e scegliete "proprietà", poi "compatibilità". A questo punto scegliete l'opzione per eseguire il programma in modalità compatibile con Windows XP service pack 3 e cliccate OK. Potrebbe essere necessario eseguire il file come amministratore.

Se non perdi non vinci

La-Mulana insegna le proprie regole al giocatore lasciandolo libero di sbagliare e morire. A eccezione dei boss comunque, i nemici non sono l'insidia peggiore. Il problema infatti è l'area di gioco, davvero sconfinata. Esplorare tutte le stanze e finire La-Mulana richiede settimane di duro lavoro e molti fogli di carta a quadretti. Ma può succedere benissimo che non finiate mai l'avventura. Questo comunque non è un problema, lo spirito di La-Mulana è quello dei bei tempi andati, quando si telefonava agli amici per avere consigli su come superare un punto morto. Oppure ci si arenava. Cercare la soluzione su Internet rovinerebbe il piacere di giocare; molto meglio dimenticare tutto per un po' e riprendere la partita a distanza di tempo - magari senza dare fuoco alle mappe nel frattempo. State comunque certi che ogni sforzo sarà sempre ricompensato. Ci sono per esempio ROM nascoste da collezionare e caricare sul laptop di Lameza, ognuna con il suo ingombro di memoria, tanto che presto o tardi dovrete decidere quali installare a seconda della situazione. Intrappolati e felici Inoltre il nostro eroe può fare affidamento su diverse armi speciali, senza contare la sfilza di gadget e oggetti magici da comprare o sbloccare. Insomma c'è sempre qualcosa da scoprire e ogni progresso apre nuove strade. Tanto che spesso, incoraggiati dal bottino raccolto, capita di spingersi troppo avanti senza tornare indietro a salvare. E voi tutti sapete cosa succede al giocatore avido. Oltre a tutto ciò La-Mulana appare splendido in questo remake. I nemici sono originali, disegnati con tinte vivaci e amore per i dettagli, un esempio eccellente di pixel art. Inoltre questa versione include il DLC che era stato pensato per Wii, con un'area aggiuntiva e una modalità a tempo. Solo i controlli risentono dell'effetto legnoso tipico dei vecchi giochi, per quanto siano ora più fluidi rispetto alla versione originale. Controllare Lameza durante i salti è ancora scomodo e non si può correre e colpire allo stesso tempo. Piccolezze, comunque: un giocatore d'annata ha visto questo e altro. E lo ha superato.

La-Mulana è immenso e ricchissimo di puzzle, oggetti e strambi personaggi. È difficile, certo, e tiene sotto torchio i neuroni più delle dita, ma ripaga ogni sforzo con una grande soddisfazione. Infatti è uno di quei videogiochi che fa esultare, gridare di rabbia e mettere tutto da parte per poi riprendere giorni dopo più determinati che mai a superare la sfida e rubare il tesoro.

Andrea Rubbini

Pro

  • Splendidi pixel
  • Un mondo aperto da esplorare
  • Enigmi tosti e trappole bastarde
  • Ovunque si nasconde un segreto

Contro

  • Sarebbe stato bello poter aggiungere appunti alla mappa
  • Controlli ancora migliorabili

Requisiti di Sistema PC

  • Configurazione di Prova
  • Processore Intel Core i7-2600K 3.40GHz
  • RAM 8 GB
  • Scheda video GeForce GTX570
  • Sistema operativo Windows 7 64 bit
  • Requisiti Minimi
  • Processore Intel Pentium 4 2.0GHz
  • RAM 1 GB
  • Scheda video: 128 MB VRAM con acceleratore 3D compatibile DirectX 9.0c
  • Sistema operativo: Windows XP (service pack 3) con DX 9.0c / Per Windows 7 vedi box nella recensione