9.2

Redazione

8.8

Lettori (35)


  • 28
  • 4
  • 29
  • 1

BadlandLa foresta incantata 13

Il team indipendente Frogmind, composto da due ex membri di RedLynx, fa subito centro al debutto con un'avventura meravigliosa

BADLAND is a universal paid app without IAPs. You buy the game once and you get the whole gaming experience to your every iOS device. Con questa introduzione, contenuta nel comunicato stampa di lancio del gioco, i ragazzi di Frogmind hanno già iniziato col piede giusto. Niente acquisti in-app: 3,59€ e Badland è tutto vostro. Se l'allontanamento da modelli di vendita tanto popolari è certamente una scelta quantomeno coraggiosa, d'altra parte evidentemente c'è la grande fiducia che il team finlandese nutre nei confronti del suo titolo di debutto. La foresta incantata E in effetti già fin dai primi screenshot rilasciati nei mesi scorsi si poteva intuire, o sperare, che ci fosse del buono in Badland; un ottimismo corroborato dal pedigree degli unici due componenti di Frogmind, Johannes Vuorinen e Juhana Myllys, entrambi con un recente passato in RedLynx su Trials Evolution. Il primo programmatore, il secondo artista: alla fine non ci vuole poi molto per mettere in pratica un progetto, l'importante è avere una buona idea. E per fortuna, l'idea alla base del loro progetto indipendente lo è in pieno.

Il coraggio non basta

Badland è un action adventure a scrolling laterale forzato ambientato in una esotica foresta, e il protagonista è un suo piccolo e bizzarro abitante: una sorta di palla di pelo capace soltanto di svolazzare pigramente, ma con la ferrea volontà di scoprire cosa stia accadendo di sbagliato nel suo mondo. Non c'è altro da sapere perchè Badland è volutamente un titolo minimalista per quanto riguarda narrazione, interfaccia e sistema di controllo; l'inizio dell'avventura è quindi brusco, con un effetto leggermente spiazzante ma ciò nonostante tutt'altro che traumatico. La foresta incantata Questo perché la coppia di programmatori ha deciso di sviluppare Badland sulla base di una struttura ludica semplicissima: in pratica bisogna soltanto toccare lo schermo in qualsiasi punto per far sbattere le "ali" e far quindi prendere quota alla creatura protagonista. L'obiettivo è sostanzialmente quello di evitare trappole e trabocchetti presenti sul percorso per raggiungere così la fine del livello e passare al successivo. Ad ampliare e rendere interessante il gameplay ci pensano tutta una serie di bonus che di fatto donano alla creatura delle abilità che risultano fondamentali per superare le varie situazioni. Parliamo di aumentare o ridurre le sue dimensioni, rallentare o accelerare il tempo, garantire una rotazione costante, appesantire, rendere rimbalzante o appiccicoso il piccolo eroe e via dicendo. Tali attributi vengano posizionati esattamente prima della sezione in cui saranno necessari, riducendo quindi il compito del giocatore alla sola raccolta; ciò nonostante, la eccezionale varietà di situazioni offerta permette così di garantire una progressione costante e un ritmo di gioco elevato mantenendo sempre alto l'interesse dell'utente. Uno dei bonus più importanti e interessanti è però quello che permette di creare dei cloni, vere proprie copie della creaturina da controllare contemporaneamente nella stessa maniera del singolo. Riuscire a portarle tutte in salvo è però non solo complicato, ma spesso impossibile; il concetto di sacrificare decine e decine di cloni è infatti parte integrante di Badland, perché lame rotanti, enormi stantuffi, rocce pesantissime o mine pronte ad esplodere sono la normalità. Una normalità a cui però si fa fatica ad abituarsi del tutto, e sentire lo "splat" che accompagna la terribile morte di alcuni dei propri compagni di viaggio è sempre un momento di macabra tristezza.

La bellezza del bosco

Ciò che il team finlandese ha voluto creare è fondamentalmente una fiaba, ma di quelle cupe e un po' ciniche; lo stile grafico è infatti un elemento fondamentale del quadro d'insieme di Badland, un ingrediente la cui qualità appare straordinariamente evidente fin dal primo istante. La foresta incantata Certo magari non totalmente originale, perché è evidente il richiamo a quel Limbo che ha di fatto creato un vero e proprio genere artistico a sé. Anche in questo caso infatti a farla da protagonista sono le silhouette sebbene, in maniera diversa dal titolo di Playdead, qui il colore non sia del tutto bandito; al contrario, se il nero domina tutti gli elementi in primo piano, lo sfondo è rappresentato da uno straordinario scorcio della foresta che cambia in maniera dinamica un livello dopo l'altro, con quattro tonalità dominanti che vanno a rappresentare le fasi della giornata in cui si svolge la storia (dawn, noon, dusk e night). Il risultato è splendido, molto caratterizzato ed estremamente affascinante, ricco di atmosfera, con un colpo d'occhio che è sicuramente tra i più evocativi dell'intera offerta su App Store. Eccezionale anche l'accompagnamento sonoro, rigorosamente da apprezzare con le cuffie. La quarantina di livelli complessivi possono sembrare pochi, ed in effetti non ci vuole molto a raggiungere la fine, eppure anche in questo frangente Frogmind ha voluto impegnarsi offrendo la possibilità di ripetere i livelli sia semplicemente per salvare un numero maggiore di cloni, sia invece per ottenere 3 uova che corrispondono a altrettante sotto-missioni per ogni stage. Carina anche la facoltà di rivedere i replay delle proprie gesta, registrarli e condividerli con la community. E come se non bastasse c'è anche una modalità multiplayer competitiva fino a 4 giocatori che non è lì solo per fare numero, ma che al contrario rappresenta una sezione che per qualità e contenuti potrebbe benissimo essere venduta a parte. Da segnalare infine la promessa di un futuro aggiornamento destinato a estendere l'avventura con un intero "secondo giorno". Badland - Trailer di gameplay Badland - Trailer di gameplay

Badland è un gioco di grande qualità, frutto di quella passione da game designer "vecchia scuola" che in ambito mobile ultimamente sta lasciando fin troppo spazio alla ben meno poetica avidità a base di freemium e in app purchase. Un'avventura semplice ma incredibilmente affascinante, evocativa, con un'atmosfera irresistibile e perfettamente equilibrata in ogni suo aspetto. L'esordio di Frogmind è quindi senza dubbio uno dei migliori titoli apparsi quest'anno su App Store; se 3,59€ vi sembrano troppi per un prodotto di questo tipo, credeteci, state sbagliando qualcosa.

Andrea Palmisano

Pro

  • Componente artistica eccezionale
  • Meccanica di gioco semplice ma accattivante
  • Grande cura nella realizzazione di ogni aspetto

Contro

  • Avventura principale piuttosto breve