8.2

Redazione

7.4

Lettori (11)


  • 27
  • 0
  • 18
  • 0
  • Data di uscita: 2012
  • Piattaforme: pc
  • Tipologia di gioco: Strategico

Eador. Masters of the Broken WorldMondi fluttuanti 16

La tecnologia avrà migliorato uno degli strategici più interessanti dello scorso anno?

L'universo di Eador è formato da infiniti frammenti di mondi che galleggiano nel grande nulla. Ogni frammento è differente per popolazione e geografia. Soprattutto, i frammenti non sono in contatto tra di loro e vagano solitari, ignari di ciò che li circonda. Almeno così credono, perché in realtà ci sono delle potenti entità, i Master, che si contendono il loro controllo. Il giocatore è chiamato appunto a interpretare il ruolo di una di queste super creature che deve cercare di unificare i frammenti in un'unica massa di terra. Chi ci riuscirà diventerà il signore dell'universo. Eador. Masters of the Broken World è il remake di uno strategico russo pubblicato nel 2009 Eador: Genesis (la nostra recensione qui). Mondi fluttuanti Mai come in questa occasione la parola remake non è usata a caso, visto che si tratta, almeno in single player, dello stesso identico gioco, con le stesse meccaniche di esplorazione e di combattimento, soltanto con una grafica migliore. Poco male, direte voi, perché il primo ha ormai i suoi anni e tecnicamente non era un granché. In realtà la situazione è un pochino più problematica, perché è vero che Eador: Genesis è stato pubblicato per la prima volta nel 2009, ma solo in Russia. Il resto dell'occidente ha potuto godere di una versione tradotta in una lingua più facilmente esperibile, ossia l'inglese, soltanto a Dicembre 2012, circa sei mesi fa. Ergo, se avete già l'altro e non siete interessati a giocarlo in multiplayer, Eador. Masters of the Broken World offre ben poche novità, talmente poche che per parlarne ci basterebbe invitarvi a leggere la recensione di Genesis, applicabile nella sua gran parte anche a questo capitolo.

Le basi

Avete letto? No? Volete che riscriviamo tutto? Cosa non faremmo per voi lettori? Come già accennato Eador. Masters of the Broken World è uno strategico a turni in cui bisogna cercare di conquistare delle masse di terra per creare un mondo unico più grande. Il gioco parte con un mondo/tutorial che serve a illustrare tutte le meccaniche in modo chiarissimo. All'inizio di ogni mondo il Master deve selezionare un eroe da mandare in battaglia e fornirlo di un esercito. L'eroe può appartenere a quattro classi differenti: Guerriero, Comandante, Mago e Ranger, ognuna con le sue abilità e ognuna con le sue specializzazioni, che vanno selezionate dopo averlo fatto crescere di un tot di livelli. Mondi fluttuanti Ad esempio il guerriero è un'unità molto forte che tenderà a sviluppare le sue capacità di combattimento, mentre il comandante è pensato come unità di supporto per tutte le altre unità amiche sul campo di battaglia. Volendo, nel corso di una partita sarà possibile guidare più eroi (basterà assoldarli pagando), cosa che si renderà necessaria appena ci si troverà su mondi più complessi rispetto a quelli base e si dovranno affrontare dei Master contendenti. Il gameplay è diviso in fasi distinte. C'è una fase esplorativa, che consiste nel conquistare ed esplorare i singoli territori. C'è una fase gestionale, in cui bisogna costruire edifici nella capitale per ottenere nuove truppe da assoldare, nuove magie per gli eroi e tutta una serie di altri bonus che hanno un'enorme importanza nello svolgersi della partita. Infine, c'è la fase del combattimento vero e proprio in cui le truppe vengono schierate sul campo di battaglia, diviso a scacchiera, e devono darsi delle sane mazzate. Tutto facile? Non proprio, perché ogni fase ha le sue complicazioni. Eador. Masters of the Broken Worlds - Il trailer della storia Eador. Masters of the Broken Worlds - Il trailer della storia

L'esplorazione

Eador. Masters of the Broken World è un titolo complesso nel suo svolgimento e richiede un'accurata pianificazione delle proprie mosse, se non si vuole essere spazzati via immediatamente. All'inizio le risorse sono poche e bisogna conquistare nuovi territori per aumentarle. Per risorse intendiamo: le monete d'oro, necessarie per acquistare nuove unità per l'esercito dell'eroe, per costruire infrastrutture, per acquistare equipaggiamento nei negozi e così via; e i cristalli magici, utili per realizzare rituali e generalmente legati a tutto ciò che è magia. Purtroppo conquistare un territorio non basta: se si vuole trarne il massimo in termini di risorse, bisogna prima esplorarlo il più possibile. Esplorare un territorio è un'operazione lunga che impegna un eroe per un intero turno. Mondi fluttuanti Farlo permette di scoprire luoghi segreti, dove solitamente si possono affrontare nemici più o meno forti per ottenere oggetti e soldi, e di allargare l'area abitabile per la popolazione, facendola così crescere e prosperare. Esplorando al massimo un territorio si ottengono delle risorse bonus, che non fanno mai male. Più territori si conquisteranno, più sarà probabile dover affrontare degli eventi casuali che richiederanno il nostro intervento indiretto. Ad esempio capita di dover reprimere delle rivolte nel sangue, oppure bisogna scegliere se sacrificare o meno parte della popolazione a dei potenti nemici e così via. Solitamente questi eventi si risolvono spendendo soldi o cristalli e, soprattutto quando si hanno poche risorse, sono una grossa scocciatura, perché un risultato negativo fa diminuire la felicità della popolazione locale che diventa più propensa alla ribellione.

Il combattimento

La fase di combattimento è quella più chiara: schierate le truppe sul campo, bisogna cercare di sconfiggere i nemici senza farsi travolgere. Solitamente i combattimenti richiedono una grossa pianificazione, soprattutto ai livelli di difficoltà più alti, dove le vittorie scontate sono poche e rare (in caso di netta superiorità da parte nostra, si può premere un tasto per far calcolare l'esito dello scontro alla CPU). Che i nemici siano un esercito guidato da un Master della CPU, o dei mostri trovati esplorando qualche territorio, bisognerà sempre posizionare le proprie truppe nella parte sinistra del campo di battaglia, quindi muoverle a turno con l'avversario. Ovviamente si dispone di diversi tipi di unità, tutte capaci di crescere di livello accumulando vittorie. Mondi fluttuanti Senza stare a citarle tutte, diciamo che sono divisibili in tre macro categorie: unità da combattimento corpo a corpo, unità a lunga gittata e unità magiche, con tutte le varianti del caso. Il primo tipo è solitamente il più resistente, ma deve arrivare addosso al nemico per poterlo attaccare, mentre gli altri due tipi sono più fragili, ma possono mantenersi a una certa distanza lanciando dardi o saette. Ovviamente non manca l'eroe, che rappresenta il vero fulcro della nostra strategia. Ogni classe cambia infatti moltissimo il modo di affrontare le battaglie, con ad esempio il comandante più adatto a un ruolo passivo, o il mago che può contare sugli incantesimi per produrre effetti vari e così via. Solitamente è chiaro sin dalla descrizione delle forze in campo se si ha qualche possibilità di vittoria, con l'eroe che si prodigherà nel farci notare il possibile risultato dello scontro con un apposito commento (in verde ottimista, in rosso pessimista). Alcuni nemici speciali, come i vampiri o i draghi, sono delle macchine da guerra implacabili e vanno affrontati solo da eroi di alto livello con a disposizione un esercito completo. Fare altrimenti comporta lo sterminio delle truppe e la morte dell'eroe, che di suo può essere resuscitato nella capitale (le truppe vanno necessariamente riassoldate). Eador. Masters of the Broken Worlds - Un trailer di gameplay Eador. Masters of the Broken Worlds - Un trailer di gameplay

Grafica 3D e multiplayer

Se tutto quanto scritto finora di Eador. Masters of the Broken World è perfettamente adattabile anche a Eador: Genesis, vediamo ora quelle che sono le vere novità del titolo, ossia la grafica rinnovata e il multiplayer. Sulla prima c'è poco da dire: rispetto a Genesis, piuttosto rozzo, questo è piacevole da guardare nel suo coloratissimo 3D. Certo, le animazioni sono pochine, ma si tratta comunque di una pecca da poco per un titolo che ha ben altre carte da giocare. A non essere cambiata è purtroppo l'interfaccia, la stessa macchinosa del passato, anche se per certi aspetti leggermente più chiara. Mondi fluttuanti Rimangono in alcuni casi delle grosse mancanze sul lato delle informazioni offerte, alcune delle quali dovevano essere rese più evidenti, e in generale possiamo dire che si poteva lavorare di più su questo aspetto, in modo da rendere meno evidente la somiglianza con l'Eador precedente. La vera novità del gioco, che da sola può valere o meno l'acquisto, è il lato multiplayer. Sostanzialmente si tratta di spendere alcuni punti per creare un eroe e partire alla conquista di un mondo da contendere ad altri giocatori umani, nelle modalità già viste per il single player. Purtroppo si tratta di un lato abbastanza controverso, vuoi perché molto buggato (soprattutto nelle prime versioni, poi alcune patch hanno sistemato instabilità e problemi vari), vuoi perché mancano tutta una serie di opzioni, soprattutto nella ricerca degli avversari, che rendono l'organizzazione di una partita una sfida in sé. Insomma, vi sembrerà strano, ma quello che doveva essere il lato più forte del gioco è attualmente quello più debole. Comunque, soprattutto se si riesce a provare online, Eador. Masters of the Broken World offre veramente moltissime ore di gioco e una profondità difficilmente trovabile altrove. Se siete appassionati del genere, dategli una possibilità.

Eador. Masters of the Broken World è la copia esatta del suo predecessore, con più cerone sulla faccia. Se avete giocato Genesis recentemente, l'acquisto può essere giustificato soltanto dalla voglia di provarlo in multiplayer o di vedere le novità grafiche (anche se quest'ultimo aspetto è davvero relativo). Chi lo abbia sorvolato, sappia che Eador è un ottimo strategico a turni, dotato di una grandissima profondità e di meccaniche abbastanza diverse rispetto alla media del genere. Permane purtroppo una certa macchinosità dell'interfaccia, con alcuni elementi, soprattutto informativi, che potevano essere esplicitati meglio. Merita comunque una promozione rispetto al fratello maggiore e quindi, merita di essere tenuto in considerazione.

Simone Tagliaferri

Pro

  • Meccaniche di gioco profonde
  • Campagna single player vastissima
  • Buono il restyling grafico

Contro

  • Interfaccia macchinosa
  • Poche novità in single rispetto al predecessore
  • Multiplayer ancora instabile

Requisiti di Sistema PC

  • Configurazione di Prova
  • La redazione usa il Personal Computer ASUS CG8250
  • Processore Intel Core i7-3770K @ 3.50GHz
  • 16 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX680
  • Sistema operativo Windows 8
  • Requisiti Minimi
  • Sistema operativo: Windows XP SP 2, Vista, o Windows 7
  • Processore: Pentium 2,0 GHz/AMD 2000+
  • RAM: 512MB
  • Scheda video: GeForce 7300/Radeon 9200
  • Spazio su disco: 2GB
  • DirectX: 9.0c
  • Requisiti Consigliati
  • Processore: Intel Core 2 Duo 1.6/AMD 3000+
  • RAM: 2GB
  • Scheda video: GeForce 8800/Radeon X1900
  • Varie: è supportato il touchpad, ma è caldamente consigliato giocare con il mouse