Tekken RevolutionLa Rivoluzione può attendere 

Tekken, uno dei brand più amati del mondo, decide di stravolgere l'intera impostazione per abbracciare, seppur a suo modo, il mondo RPG

Quando si immagina un picchiaduro in tre dimensioni, quasi sempre per forza di cose la mente corre ad uno qualsiasi degli 8 episodi (versioni Advance e PSP escluse) di Tekken. Nato con PlayStation e, nonostante i due episodi convertiti anche su Xbox 360, indissolubilmente legato ad essa, il titolo Namco-Bandai ha rappresentato per molti anni la prima scelta per milioni di appassionati videogiocatori sparsi per il mondo; il grande successo ha fatto sì che si creasse un sottobosco di ragazzi e ragazze, raccolti in comunità, impegnati a sfidarsi continuamente in tornei agonistici e competizioni amichevoli. La fase culmine, raggiunta secondo molti con il terzo capitolo di Tekken e il primo Tag, è stata poi seguita da altri episodi sicuramente sperimentali ma, per motivi più volte analizzati nel corso delle diverse recensioni, non amati dai fan della prima ora e dai giocatori cosiddetti "pro", quelli cioè abituati a sfide e palcoscenici mondiali. In Tekken Revolution, che torna esclusiva PS3, per la prima volta compaiono due elementi mai visti in nessun altro picchiaduro di stampo classico: la formula free-to-play e i punti esperienza in grado di alterare i valori dei personaggi. La Rivoluzione può attendere

Come ti sviluppo il lottatore

L'approccio alla recensione di un titolo come Tekken Revolution pone immediatamente un problema di fondo, legato al livello di esperienza del lettore: in Tekken infatti, un giocatore professionista vede i combattimenti, i personaggi e tutto il contesto di gioco con occhi esperti e ipercritici; il giocatore "della domenica", al contrario, cerca solo spettacolarità e divertimento, ignorando eventuali problemi di bilanciamento o frame. La Rivoluzione può attendere Ad esempio, il giocatore d'esperienza storce immediatamente il naso già dalla formula scelta per la distribuzione: la locuzione free-to-play assume infatti al suo cospetto il sinistro significato di "paga se vuoi vincere". Per fortuna, ma lo vedremo nell'apposito box, più correttamente si potrebbe sborsare qualche euro proprio per giocare di frequente, visto che l'accesso alle modalità risulta contingentato; in alternativa, come sempre in questi casi, per risparmiare basta aspettare la giusta dose di tempo. Il secondo elemento di turbamento, più serio, riguarda l'impostazione di Tekken Revolution dedicata principalmente alla modalità online. Il motivo è facilmente intuibile, soprattutto se si è provato in questi anni a giocare seriamente un qualunque episodio della serie via internet: il lag è infatti in certi casi imbarazzante, tale da costringere nel corso del combattimento ad affidarsi completamente al caso. In più, anche in presenza di segnale accettabile, l'intero gameplay risulta rallentato, costringendo a repentini cambi di stile, senza contare le naturali imprecazioni dovute a combo facili quasi sempre sbagliate online. I primi due menu di selezione sono quindi affidati alle Battaglie Classificate e a quelle del Giocatore, mentre l'unica modalità offline resta una triste versione della Battaglia Arcade, con difficoltà non modificabile ed avversari gestiti dall'intelligenza artificiale particolarmente poco pratici. La rivoluzione presente nel titolo è invece legata alla voce di menu dedicata al potenziamento del personaggio, una caratteristica che non riguarda più solo l'estetica, come in tutti gli ultimi Tekken, ma va a modificare i parametri prestazionali del proprio alter ego virtuale. La Rivoluzione può attendere Tramite i punti abilità, ottenibili aumentando di livello e quindi vincendo spesso sia online sia offline, è possibile acquistare potenziamenti per Forza, Tempra e Vigore, al fine di aumentare rispettivamente danno inferto, barra della vita e possibilità di colpi critici o attivazione della barra della rabbia. Anche in questo caso si manifesta una fortissima dicotomia: da un lato l'indubbio fascino del potenziamento, lo stimolo dato ai nuovi giocatori per affiancarsi a Tekken e partecipare a tanti combattimenti nella speranza di crescere un personaggio sempre più forte; dall'altra la vera e propria "bestemmia" di veder modificato, in sostanza, l'handicap tra due giocatori, violando il sacro principio dei tornei che vede gli sfidanti partire in ogni caso alla pari.

Tekken Revolution, ma è davvero necessaria questa Rivoluzione?

Trofei PlayStation 3

Tekken Revolution, nonostante la natura Free-to-play, include 13 trofei, divisi in 9 bronzi, 3 argenti e un oro; assente il platino. La maggior parte sono traguardi raggiungibili semplicemente giocando al titolo con un minimo di costanza, per accumulo; il meno facile da sbloccare, per ovvi motivi dipendenti dall'abilità dell'avversario e soprattutto alla qualità della linea, è quello legato all'aumento di livello, ottenibile soltanto dopo una serie di partite online vinte.

Guarda tutti i trofei

Esperienza sì, ma fino a un certo punto

A mitigare, almeno in parte, questo stravolgimento concettuale dei picchiaduro, ci pensa la lentezza con la quale si accumulano i punti abilità e quindi i vari potenziamenti; inoltre, basandoci su un numero consistente di partite, l'handicap migliore, ovvero un livello più elevato, si traduce una volta sul ring in poco o nulla, soprattutto se in presenza di un forte dislivello tecnico tra i giocatori umani. In sostanza, si viene a creare la situazione, nota ai giocatori più smaliziati, nella quale il player più forte riesce a sconfiggere il più debole anche se quest'ultimo aumenta il suo handicap, confermando che solo i più forti, alla lunga, vincono. E tornando a parlare di combattimenti veri e propri, Tekken Revolution ricalca, quasi perfettamente, stili e meccaniche di Tekken Tag Tournament 2, comparto grafico incluso, e a quella recensione vi rimandiamo per approfondimenti in tal senso; la differenza fondamentale però, oltre all'ovvia assenza del Tag Mode, è la mancanza del tanto chiacchierato Bound System, il rimbalzo a terra tipico alla fine di ogni combo aerea, che permette ancora di concatenare altre hit aumentando il danno inflitto finale. Senza Bound, buona parte di quanto appreso in Tekken 6 prima e Tekken Tag 2 dopo perde senso e il danno totale inflitto, restando identiche le mosse (a parte le animazioni di quelle critiche, adesso in stile "ultravelocità" con le scie) si riduce drasticamente. L'obiettivo degli sviluppatori è, probabilmente, quello di allungare la durata delle partite ma, lo ripetiamo, in caso di forte dislivello tecnico a monte, si può assistere soltanto a rapide carneficine. Da segnalare infine il roster dei lottatori, fortemente ridimensionato rispetto a quello mastodontico di Tekken Tag 2, anche se avanzando di livello diventano man mano fruibili altri lottatori.

Shopping del pugno di ferro

Ogni azione di Tekken Revolution ha un costo in valuta digitale. In particolare, affrontare una battaglia offline Arcade ad esempio costa una Moneta Arcade e se ne possono accumulare al massimo 2; il tempo di "ricarica" è di un'ora. Giocare Online comporta l'investimento di una Moneta Battaglia, pronta in mezz'ora e accumulabile massimo in 5 pezzi. I Tagliandi Premium, che si ottengono vincendo, sono una sorta di Jolly utilizzabili al posto delle monete e, quando usati, regalano premi extra. Le Monete Premium, per finire, sono la vera e propria valuta di gioco, acquistabile dallo store, e funziona come i Tagliandi, senza tuttavia i premi extra finali; di Monete e Tagliandi se ne possono accumulare fino a 999.

Clicca per votare!
6.2

Redazione

7.4

Lettori (63)

Tekken Revolution è sicuramente una rivoluzione, ma soltanto a metà e non del tutto positiva. Se si voleva puntare ad un pubblico più casual, legato fortemente a modifiche e crescite del personaggio prima che alla vera abilità combattiva, l'obiettivo non è stato centrato. Di contro, i giocatori hardcore, lo zoccolo duro che acquista ad ogni uscita l'ultimo episodio di Tekken, siamo sicuri non degneranno il titolo nemmeno di uno sguardo, giudicando un vero e proprio sacrilegio affrontare partite non potenzialmente alla pari; senza contare infine la gravissima assenza della Pratica, la "palestra" di un vero lottatore del torneo del Pugno d'Acciaio.

Giovanni Polito

Pro

  • Gratuito
  • Microtransazioni non troppo invasive
  • I combattimenti sono sempre divertenti....

Contro

  • ...ma limitati dall'assenza del Bound System
  • Online mai perfetto e Offline quasi inesistente
  • Crescita del personaggio lenta ma comunque inopportuna