6.5

Redazione

7.0

Lettori (30)


  • 28
  • 6
  • 26
  • 5

Wii Sports ClubQuelli che il tennis 52

Ora che l'offerta in termini di discipline è finalmente completa, Wii Sports Club è riuscito a conquistarci?

Con oltre ottanta milioni di copie vendute, Wii Sports ha dato un nuovo volto al casual gaming, spingendo in modo consistente le vendite di Wii e portando la console Nintendo nelle case di tantissime persone che in precedenza non si erano mai avvicinate a un videogame. Il fatto di poter utilizzare i controller per ottenere una riproduzione fedele dei movimenti sullo schermo e cimentarsi dal vivo con cinque discipline sportive (tennis, bowling, golf, baseball e boxe) costituiva una novità davvero interessante in ambito casalingo, e poco importa se strutturalmente il prodotto era poco più di una demo: funzionava bene, era molto divertente e la gente era entusiasta di giocarci, specie con gli amici. Quelli che il tennis Si è parlato per diverso tempo di ciò che Wii Sports faceva di buono e di ciò che invece, colpevolmente, non era stato implementato nel gioco, in primis il multiplayer online. A distanza di ben sette anni, con una nuova console ammiraglia, Nintendo cerca di metterci una pezza e punta nuovamente sullo sportivo casual per eccellenza, sperando possa dare un sostanziale contributo anche alle vendite di Wii U. L'approccio scelto dall'azienda nipponica per Wii Sports Club, tuttavia, sorprende: piuttosto che optare per una distribuzione retail tradizionale, magari in bundle con un Wii Remote Plus, si è scelta inizialmente la sola strada del digitale, delle licenze a tempo (per fortuna non solo quelle) e del rilascio cadenzato, con il tennis e il bowling disponibili dal day one e baseball, golf e boxe in arrivo mesi dopo. L'uscita retail si è concretizzata solo a raccolta completata ed è fissata all'11 luglio, ma rimangono valide le opzioni di acquisto e noleggio su eShop, rispettivamente con pass a tempo o licenze definitive da 9,99 euro per ogni pacchetto (nella fattispecie tennis, bowling, golf e il connubio baseball + boxe).

Wii Sports Club è un titolo che si muove fra alti e bassi, con alcune buone idee e qualche strafalcione

Signori, il tennis

La scelta di cominciare con il tennis non poteva essere più azzeccata, considerando il valore del relativo minigioco già ai tempi dell'originale Wii Sports. Stiamo parlando di un'interpretazione sì casual e semplicistica dello sport inglese, con il nostro personaggio che si muove automaticamente sul campo per intercettare la palla, ma al contempo di un'applicazione importante e significativa per mettere alla prova le capacità del Wii Remote Plus, che ha il compito di tradurre i nostri movimenti sullo schermo con un rapporto di 1 a 1. Quelli che il tennis Il timing rappresenta ancora un aspetto fondamentale dell'esperienza, tuttavia avvicinarsi al gioco con in mente le dinamiche di sette anni fa può rivelarsi un errore non da poco, da pagare con qualche sonora sconfitta e un inevitabile smarrimento iniziale. Con il Wiimote standard bastava infatti agitare il controller perché il nostro personaggio recepisse l'input equivalente a uno swing completo, ma le cose sono cambiate e non si può assolutamente lesinare nei movimenti, né dare per scontato l'impatto con la pallina, che possiamo anche mancare clamorosamente. Per fortuna ci vengono in aiuto tre differenti modalità di allenamento: "Anelli Monelli", in cui bisogna far passare la palla attraverso una serie di anelli che compaiono nella metà campo avversaria, con traiettorie progressivamente più complesse; "Botte da Talpe", in cui l'obiettivo è quello di colpire le talpe con i nostri dritti e i nostri rovesci, imparando a gestire la direzionalità e la potenza dei tiri; e infine "Papera qui, Papera qua", con una grossa papera che si sposta in base alla zona di campo che colpiamo, il che ci insegna a mandare a spasso gli avversari durante gli scambi. La cosa buffa, perfettamente riscontrabile nelle partite online, è che un po' tutti i nostalgici di Wii Sports stanno avendo lo stesso problema a rapportarsi con i controlli di Wii Sports Club. La nostra impressione è che comunque alcuni movimenti siano un po' complicati da effettuare senza che il gioco rilevi lo "swing", in primis il cambio di posizione, e ciò spesso può fare la differenza fra la vittoria e la sconfitta.
Wii Sports Club - Lo spot con Andre Agassi e Steffi Graf Wii Sports Club - Lo spot con Andre Agassi e Steffi Graf

Benvenuto nel club

Come già riportato all'annuncio del gioco, la struttura di Wii Sports Club non esce dal (limitatissimo) solco tracciato dalla versione originale per quanto concerne il gioco in singolo, con il livello di esperienza che sale man mano che portiamo a casa delle vittorie e il grado di sfida che si alza di conseguenza nei match singoli contro la CPU. Si tratta di una mancanza pesante, a maggior ragione considerando tutto il tempo che è passato, e manifesta la volontà di Nintendo di non conferire al prodotto un maggior valore specifico, giustificando tale scelta in base a una sistematica sottovalutazione di ciò che i benedetti casual gamer possano o non possano apprezzare. Quelli che il tennis Le novità dunque stanno tutte nella possibilità di selezionare un "club" geografico di appartenenza (diviso anche in sottocategorie, vedi ad esempio nord Italia, sud Italia, centro Italia e isole) e di organizzare sfide online contro persone presenti nella nostra lista amici, membri di un determinato club oppure tutti indistintamente. Che poi "tutti" è un parolone, dal momento che il multiplayer del gioco è region locked e noi europei potremo al massimo ambire a dare una lezione di stile agli australiani. Orbene, abbiamo detto che al di là dei controlli via Wi Remote Plus, più precisi e per molti versi "differenti" rispetto a quelli di Wii Sports, il comparto online è di fatto l'unica novità introdotta da questa nuova edizione dello sportivo casual per eccellenza. E come funziona? Per lo più bene, ma il discorso non è così semplice e ci sono delle orecchie da tirare. Vale sempre la questione dei tanti anni passati, del fatto che l'online fosse implementabile già su Wii e di quello che presumiamo possa essere il net code di un'applicazione del genere, certamente non paragonabile a quello di un qualsiasi sparatutto, visto che le due console, pur a migliaia di chilometri di distanza, devono comunicarsi unicamente la posizione dei giocatori e della pallina in campo, nonché la forza e la traiettoria dei tiri che vengono effettuati. Ecco, nonostante un compito sulla carta così semplice, ci sono momenti in cui il tennis diventa letteralmente ingiocabile per via del lag. Non si tratta della maggior parte dei casi, sia chiaro, diciamo una o due partite su dieci, ma quando accade è un bel problema, perché uscire anticipatamente implica una penalizzazione nel punteggio e la gestione della latenza si traduce in un vero e proprio festival dello slow motion, ovvero i frame di animazione si adattano alla velocità di trasmissione dei dati e sembra di vivere un replay infinito. È chiaro che per un titolo come questo non sarebbe francamente accettabile nulla al di sotto dell'assoluta perfezione, anche quando giochiamo con una persona che si collega a Internet usando un modem a 14.4 Kbs, dunque pensiamo sia doveroso un rapido aggiornamento che ottimizzi il tutto; e che magari aggiunga anche un pizzico di varietà, visto che le partite online a tennis si limitano a sessioni veloci composte da un unico game.
Voto per il Tennis: 7

E poi vabbè, c'è il bowling

La situazione del bowling è diversa rispetto a quella del tennis. Stiamo parlando di uno sport "caciarone" che si gioca con gli amici dal vivo mentre si fa un gran casino, e che dunque era pressoché perfetto nella sua interpretazione originale in Wii Sports. Chiariamoci: perfetto per fare casino e divertirsi, ma decisamente poco elaborato nelle sue dinamiche, che a quanto pare non hanno giovato quasi per niente del passaggio al Wii Remote Plus. Tirare la palla in pista ruotando il polso in vari modi produce certamente un effetto diverso, ma era così anche sette anni fa, e proprio come sette anni fa è possibile capire in che modo il gioco interpreta il nostro input "tipo", regolare di conseguenza la traiettoria (con i medesimi comandi) e fare (quasi) sempre strike. Quelli che il tennis Anche qui ci sono i minigame per l'allenamento, nella fattispecie "Stella dello Spare", "Lancio con Slancio" e "Tris di Lanci", utili per padroneggiare le tecniche fondamentali, ma online le cose assumono una sfumatura un po' deludente per via del discorso fatto all'inizio: un conto è giocare a bowling dal vivo con gli amici, un altro è sfidare altre tre persone in remoto e attendere che facciano la propria mossa. Di certo c'è maggiore varietà rispetto al tennis, grazie alle tre differenti modalità selezionabili ("10 Birilli", che si gioca in quattro; "100 Birilli", che è una sfida a due; "Ostacoli in pista", anche questa una sfida a due con appunto degli ostacoli che spuntano sul percorso della palla), ma a meno che non andiate pazzi per questo sport difficilmente la nuova versione vi convincerà. Chiaramente il discorso del lag qui non vale, trattandosi sempre e comunque di partite a turni. Qualche parola, infine, sul comparto tecnico e gli elementi di contorno. La grafica non è mai stato uno dei punti di forza dell'esperienza di Wii Sports e la cosa vale anche per Wii Sports Club: il gioco gira a 1080p e sessanta frame al secondo, certo, ma al di là di questo si fatica a trovare differenze sostanziali rispetto all'originale. C'è qualche novità negli stage, ma in generale sarebbe stato possibile fare molto meglio di così pur nel rispetto dello stile dei Mii, ad esempio lavorando su ciò che sta intorno ai personaggi. Anche l'accompagnamento sonoro, pur con i suoi momenti, non eguaglia l'orecchiabilità dei motivetti della prima edizione, ma la questione può essere catalogata alla stregua di semplice nostalgia. Quello di cui però non avevamo proprio nostalgia era un sistema di comunicazione "old-gen", che non solo esclude a priori la chat vocale (ma il microfono del GamePad cosa sta lì a fare?) ma limita l'interazione verbale con gli altri giocatori a tre frasi predeterminate, che smanettando un po' possiamo personalizzare a mano con qualche disegnino. No, gli organi genitali maschili anche qui vengono irrimediabilmente bloccati, e la procedura di approvazione del messaggio dura circa un'ora. Non ci siamo.
Voto per il Bowling: 6

L'avvento del golf

Rilasciato in concomitanza con l'ultimo Nintendo Direct, il golf viene scaricato automaticamente in Wii Sports Club e offre la medesima licenza gratuita da ventiquattro ore per chi vuole provarlo, valutandone l'acquisto definitivo per 9,99 euro oppure scegliendo un ticket a tempo, come già visto per il tennis e il bowling. Se nella forma questa disciplina appare molto simile a quella presente nell'originale Wii Sports, nella sostanza i cambiamenti apportati dagli sviluppatori sono profondi, a cominciare dal ruolo del GamePad. Il controller di Wii U va infatti posizionato a terra, come mostrato durante i primi trailer della console Nintendo, idealmente nel luogo in cui dovrebbe trovarsi la pallina mentre stiamo in piedi, Wii Plus in pugno, a effettuare lo swing. Quelli che il tennis Sulle prime la trovata appare futile e del tutto accessoria, nonché discretamente pericolosa per chi ha bambini in casa che potrebbero calpestare involontariamente (o volontariamente!) il GamePad durante una partita. Bastano però pochi minuti per realizzare il valore di questa novità, che introduce molteplici sfaccettature all'esperienza e ci chiede dunque di non guardare soltanto lo schermo della TV mentre giochiamo, bensì di fare anche attenzione alle modalità dell'impatto. Sullo schermo integrato nel controller vengono infatti visualizzati la pallina, l'estremità della mazza e un indicatore utile per capire la direzione del movimento, che possiamo correggere regolando accuratamente la presa sul Wii Plus grazie a una rotazione del polso. Il dispositivo rileva in modo preciso qualsiasi variazione in tal senso, e ciò porta alla seconda novità di questa disciplina di Wii Sports Club: la difficoltà. Chi pensa di poter effettuare degli swing "alla buona", come nell'originale Wii Sports, si sbaglia di grosso e avrà delle cocenti delusioni, visto che il sistema adottato in questo caso richiede grande attenzione durante il lancio, al di là delle regolazioni tradizionali per la direzione del tiro e la selezione del ferro che vanno ancora una volta effettuate agendo sulla croce direzionale. La maggiore complessità dell'esperienza si traduce purtroppo in partite online all'insegna dell'attesa, con gli avversari che spesso e volentieri impiegano tantissimo tempo per riuscire a fare la propria mossa e risultati che nelle prime fasi raramente riflettono l'impegno profuso e l'investimento in termini di minutaggio. Molto meglio ripiegare sul multiplayer in locale, anche se vale ugualmente la regola di una curva d'apprendimento tutt'altro che tarata per l'utenza casual, e che potrebbe rappresentare un grosso problema nello "sdoganamento" di questo sport presso il grande pubblico. Sono inclusi nell'offerta le tradizionali modalità di allenamento per migliorare la precisione: "Putt 10 e lode" ruota appunto attorno alla manovra del putt, "Bingolfista" ci vede lanciare la pallina su pannelli del bingo per totalizzare il punteggio più alto possibile completando le linee, mentre "Centra il bersaglio" ci chiede di colpire un bersaglio gigante posizionato sull'acqua, nel minor tempo possibile. Anche per il golf vale il discorso di un sistema di comunicazione fra giocatori estremamente limitato e macchinoso, che si basa su poche esclamazioni di default oppure su disegni che però vanno approvati via Miiverse. Ciò che però delude è la scarsa offerta in termini di percorsi e buche, che a quanto pare si rifà a un classico per NES mai distribuito al di fuori del Giappone, Famicom Golf: U.S. Course, ma non tiene in alcuna considerazione gli scenari visti in Wii Sports Resort.
Voto per il Golf: 6,5

Pugni e mazzate

L'ultimo pacchetto di minigame per Wii Sports Club include il baseball e la boxe, entrambi piuttosto attesi visto che si pongono come reinterpretazioni di esperienze già valide in origine. La Boxe, in particolare, nel primo Wii Sports funzionava piuttosto bene con Wii-mote e Nunchuk, specie per quanto riguardava l'esecuzione delle schivate, e offriva senza dubbio un'attività fisica di buon livello per chi desiderasse tenersi in forma e bruciare un po' di calorie con la console Nintendo. Quelli che il tennis Provate a cimentarvi con un'ora di rapide schivate e jab veloci e poi diteci il giorno dopo come state, se non ci credete. Purtroppo proprio la boxe rappresenta il punto più basso, qualitativamente parlando, dell'offerta di Wii Sports Club. Nonostante il minigame richieda due Wii Remote Plus per poter essere utilizzato dignitosamente, non supportando il Nunchuk come secondo controller, la reattività e la fedeltà dei movimenti appare palesemente imprecisa, e lo si nota soprattutto all'interno delle tre modalità di allenamento, in cui ci viene chiesto di colpire dei semplici bersagli ("Pugni al bersaglio"), dei punching ball ("Un sacco di botte") e di schivare delle palline per poi prendere a pugni un oggetto ("Schiva e colpisci"). Quando sferriamo un diretto, il sistema riconosce con ritardo l'input ed esegue un'animazione molto lenta, che impedisce di fatto di sferrare jab rapidi, una manovra fondamentale nel pugilato per "prendere le misure" all'avversario in attesa di affondare con il destro. Quando però bisogna andare di gancio o di montante, le cose si fanno ancora più problematiche e il riconoscimento è stentato; peggio che nell'originale Wii Sports, che in tale frangente di certo non brillava, potendo però contare su di una tecnologia notevolmente meno avanzata. Nel caso si possieda un solo Wii Remote Plus, è possibile comunque giocare, come accennato in precedenza, ma utilizzando un solo braccio, in una situazione ancora meno brillante in termini di reattività e precisione, con il personaggio che tende peraltro a "inclinarsi" in modo anomalo e a perdere progressivamente la calibrazione. La ciliegina sulla torta è rappresentata dallo scarsissimo numero di partite online disponibili: che la gente abbia già rinunciato a trovare qualcosa di buono in questo minigame? Le cose per fortuna migliorano in modo sostanziale con il baseball, che pur non essendo uno sport molto conosciuto in Italia si è fatto apprezzare proprio nella sua riduzione casual nell'originale Wii Sports, insegnandoci qualcosa sulle sue regole (alla fine abbastanza semplici) e sfidandoci a effettuare uno swing perfetto con la mazza e a imprimere il giusto effetto alla palla durante i lanci. Quelli che il tennis In questo caso il gameplay consiste in due fasi distinte e separate, che come da tradizione possiamo allenare all'interno di tre differenti modalità: "Fuoricampo a gogo" per fare pratica con gli home run, "Batti e abbatti" per migliorare la mira dello swing e "Scatola a sorpresa" per familiarizzare con i controlli del lancio, completamente nuovi. Cosa è cambiato esattamente? Come dicevamo, si alternano due fasi distinte: nella prima, quasi identica a quella vista nel 2006, dobbiamo roteare la mazza calcolando il tempo del tiro e cercare di eliminare i lanciatori della squadra avversaria, andando a occupare le basi fino a totalizzare i punti necessari per la vittoria del match; nella seconda fase, quella in cui vestiamo i panni del lanciatore, non c'è più la fisicità di un tempo, in quanto dobbiamo mettere da parte il Wii Remote Plus e impugnare il GamePad per una sorta di applicazione in realtà aumentata in cui inquadriamo il ricevitore e utilizziamo i quattro pulsanti principali del controller per eseguire altrettanti tipi di tiro, dosandone la forza in base a un indicatore. Quando si batte, la rilevazione del movimento appare ottima e non è più possibile "barare" con semplici cenni, dunque si deve effettuare ogni volta lo swing completo e la cosa, anche dal punto di vista fisico, fa una bella differenza. Diverso è il discorso riguardante la fase di lancio: la novità del tiro "impersonale" forse non sarà gradita a chi amava effettuare i movimenti in prima persona, e sarebbe stato carino consentire a chi lo desiderasse di utilizzare l'impostazione originale. Il cambio di rotta, tuttavia, aggiunge indubbiamente un po' di varietà all'offerta e, finalmente, propone un uso decente dei dispositivi di input di Wii U nella loro globalità. Anche online tutto funziona molto bene, le partite si trovano rapidamente e non ci sono attese particolari da mettere in conto.
Voto per la Boxe: 3
Voto per il Baseball: 6,5

Finalmente completo in tutte le sue discipline e dotato del tanto agognato multiplayer online, Wii Sports Club è un prodotto che si muove fra alti e bassi, mettendo sul tavolo reinterpretazioni di qualità come il tennis e il baseball, entrambe molto godibili (seppure il lancio con GamePad possa far storcere il naso); sport ricchi di potenziale come il golf o viziati da qualche scelta discutibile, come il bowling; ma anche delusioni cocenti come la boxe, che anziché migliorare rispetto all'originale Wii Sports è peggiorata, e non poco, in termini di reattività e di qualità della rilevazione, nonostante l'uso del (doppio) Wii Remote Plus. A distanza di tanti anni era lecito aspettarsi un reboot più solido nella struttura, più variegato e, soprattutto, capace di offrire un sistema di controllo sempre all'altezza della situazione. Promesse solo in parte mantenute.

Tommaso Pugliese

Pro

  • Multiplayer online, finalmente
  • Il tennis è tutto da riscoprire, c'è tanto potenziale
  • Bella la reinterpretazione del baseball...

Contro

  • ...ma il tiro via GamePad potrebbe non piacere
  • La boxe è una delusione su tutta la linea
  • Esperienza in single player per nulla valorizzata